Ocimum Basilicum Liquore

Da quanto e' verde potete pensare che sia Olio e invece no e' Basilico. Una pianta non utilizzata solo in cucina ma con tante proprieta' che merita di essere citata in un divertente sonetto romanesco di Aldo Fabrizi che ne riassume le qualita': A parte che er basilico c'incanta perchè profuma mejo de le rose cià certe doti medicamentose che in tanti mali so' 'na mano santa.
Abbasta 'na tisana de 'sta pianta che mar de testa, coliche ventose, gastriti, digestioni faticose e malattie de petto le strapianta.
Pe' via de 'sti miracoli che ho detto, io ciò 'na farmacia sur terrazzioni, aperta giorno e notte in un vasetto.
Dentro c'è 'no speziale sempre all'opera, che nun pretenne modulo e bollino e nun c'è mai pericolo che sciopera. Liquore Profumoso al Basilico
500 cl. di alcool 400 gr. di acqua 300/350gr. di zucchero 60/70 foglie di basilico 1 limone Mettere in infusione le foglie di basilico, la buccia di limone senza la parte bianca dai 15 ai 30 giorni. Dopo questo periodo in cui l'alcool avrà preso uno splendido colore verde preparare lo sciroppo. Mettere acqua sul pentolino, scaldarla facendo sciogliere lo zucchero. Attendere che lo sciroppo raffreddi e poi unire all'infuso. Fatto cio' il liquore puo' essere imbottigliato. Fate attenzione su una cosa e' molto personale il livello l'alcolicita' e la dolcezza del liquore quindi assaggiate il liquore. Il periodo ideale per farlo e' l'estate proprio perche' il basilico e' la massimo del sapore. Io ho fatto cosi durante questa estate, poi l'ho fatto riposare il liquore per 6 mesi ed alla fine l'ho regalato quest'anno a Natale. A detta di chi lo ha ricevuto è spettacolare e mai come in questo periodo visto la quantita' di cibo che si ingerisce un liquore digestivo è una "mano santa " ;)
Alessandra.................. Bon Apetit !!!
SHARE:

Ritira il premio "Nenhum olhar è mais puro do que uma criança"

Ebbene si ho vinto un premio fatto con tanta generosita' e dato dalla dolcissima Imma del blog http://dolciagogo.blogspot.com/ una ragazza Napoletana conosciuta da poco ma con la quale si sia creata una bella empatia. Lo accetto volentieri.



E lo stesso premio lo passo a chi mi ha sostenuto durante questo primo periodo di mia avventura nel mondo dei blogger...Mi scuso se non sono riuscita a passarli a tutti... Ecco i nomi dei link.

http://federicaincucina.blogspot.com/
http://roseteacottage.blogspot.com/
http://mozzarelleincarrozza.blogspot.com/
http://dolcepassatempo.blogspot.com/
http://dimitranas.blogspot.com/
http://ilfogolar.blogspot.com/
http://cuordipane.blogspot.com/
http://comfort-food-ricette.blogspot.com/
http://essenzadicannella.blogspot.com/
http://menuturistico.blogspot.com/

Per ritirarlo si devono rispettare delle regole, vi scrivo quali:

1 - Postare la seguente frase: "Nenhum olhar è mais puro do que uma criança"

2 - Postare il premio

3 - Far riferimento al forum "Arte da Li" http//li-katuki.blogspot.com

4 - Lasciare un commento rivolto a chi ti ha passato il premio

5 - Passare il premio a 10 amiche ed avvisarle

Vi consiglio di fare un bel passaggio su : http//li-katuki.blogspot.com un sito di una semplicita' e dolcezza unica dal quali si possono trarre riflessioni ed idee.


Un caro saluto a tutte da Alessandra e non dimenticate sempre............Bon Apetit !!!!

SHARE:

Post@ la past@: Maccheroni coi noci

Quando ho visto il concorso TZATZIKI A COLAZIONE E PASTA GAROFALO presentano:POST@ LA PAST@ ho pensato subito ma io c'e' l'ho la ricetta e perchè non spedirla??!!! E cosi armata con un po' di coraggio e di tanta voglia di fare ho fatto la mia ricettina che ora vi progongo.
L’origine di questo piatto risale a tanti tanti anni fa’ quando a Natale e nel Viterbese si usava e si usa ancora fare un dolce che accompagna le Feste Natalizie. Sicuramente un'origine povera per gli elementi che lo compongono : frutta secca con cioccolata e pasta. Ho piu' volte pensavo all'origine pura del piatto , forse semplicemente avanzava della pasta bianca cosi la si ' condiva con quello che si aveva in casa e poi nel tempo modifica sino ad arrivare a noi cosi come la presento io. Da sempre questo dolce ha accompagnato il mio Natale a volte si saltava magari il taglio del Pandoro o Panettore pure di mangiarlo. Spero possa essere al di la' del concorso un nuovo elemento nel vostro pranzo di Natale.
A voi lo propongo con la variante di una salsa al mandarino per accompagnarlo.

Maccheroni coi Noci - Ricetta Alessandra Ruggeri
Ingredienti
200 gr di pasta tipo Mafalde , 80 gr di noci sgusciate, 20 gr di nocciole sgusciate, 70 gr di cioccolato fondente ValRhona al 60% ,6 cucchiai di zucchero, 4 cucchiaini di cioccolato amaro,Cannella, Alchermes, Brandy
Per la salsa
2 bicchieri di succo di Mandarino,6 cucchiai di zucchero 1 cucchiaino di gelatina in polvere
Procedimento
Prima di tutto metti nel mixer nocciole, le noci il cioccolato e trita il tutto. Unisci poi il resto degli ingredienti. Assaggia il trito ed eventualmente correggi di zucchero. Deve essere dolce !!!
Fai cuocere la pasta salata normalmente qualche minuto in piu’ rispetto alla normale cottura deve essere scotta quindi direi 3-4 manche 5-6 minuti di piu’. Scolala e quando e’ ben scolata e calda mettila in una ciotola e bagnala con alchermes facendola diventare violacea e bagnala ulteriormente con due bicchierini di brandy e poi mescolala con ¾ del trito. Mescola l’impasto per bene mettendo il trito piano piano in maniera tale che il cioccolato si sciolga ed insaporisca la pasta. E’ importante che l’operazione venga fatta quando la pasta e’ calda. A questo punto metti la pasta nelle formine .Riempi la formina con strati di pasta condita e ad ogni strato rimetti un po' trito di noci. Fai freddare il composto a temperatura ambiente. Prepararlo la mattina per la sera, ma comunuqe va servito freddo. E' una dolce che si conserva per diversi giorni anche semplicemente fuori in balcone coperto con canavaccio.
Per la salsa
Spremi i mandarini ottenendo 2 bicchieri aggiungi 6 cucchiai di zucchero e cuoci per 15' alla fine aggiungi 1 cucchiaino di gelatina in polvere. Mescola bene fai tirare e poi filtra .Quando la pasta e’ fredda , servila sul piatto mettici sopra ancora un poco di trito di noci e servila con la salsa di mandarino.
E questo e' il risultato!!!!

Alessandra..... Bon Apetit !!!
SHARE:

Pan per focaccia...

L'espressione "Rendere pan per focaccia" è riferita a chi ricambia con eguale o maggiore asprezza una offesa, un torto o un danno ricevuti.
Il proverbio è certamente antichissimo e se ne trova la prima traccia scritta nell'ottava novella dell'ottavo giorno del Decamerone, laddove il Boccaccio fa dire, dalla moglie di Zeppa alla moglie di Spinelloccio - "Madonna, voi m' avete renduto pan per focaccia" (Nov. 78^ - Dec. 13^); episodio anche riportato nel film "DecameronN.2 - Le altre novelle di Boccaccio ", del 1972.
L'origine del motto è sconosciuta, ma già nell'antica Roma erano in uso similari sentenze come "Par pro pari referre", "Par pari hostimentum dare" o "Nulli nocendum:siquis vero laeserit, multandum simili iure"
Anche Dante, nella Divina Commedia, utilizza un motto molto simile:
« I' son frate Alberigo; i' son quel da le frutta del mal orto,che qui riprendo dattero per figo. »
(Divina commedia - Infermo XXXIII, 118-120).













Devo dire che in quest'ultimo periodo altro che pan per focaccia..... sarebbe da prendere un bazzuca e semplicemente pigiare. Sto notando oramai a rotta di collo acidita' gratuite, ignoranza, civetterie e forse piu' semplicemente sarebbe realmente da racchiudere in una parola sola CATTIVERIA. Il discorso e' capire ma sono io che lo faccio uscire o la stragande maggioranza delle persone non ha niente da fare?? Esatto !!! Ecco la risposta la gente non ha un gran che da fare ma visto che io non sono come loro porgo un sorriso, il mio splendido sorriso o come dice la Fabiola A. " Miss Sorriso" :-) e vi do' il mio pan per focaccia !!! :-D




Pane Casareccio con LM - Sorelle Simili


1200 Kg di pasta di rinfresco

15 gr di sale


Ho fatto due filoncini di pane da circa 600gr cadauno che ho adagiato su carta forno ed avvolto singolarmente dentro un canavaccio. Ho lasciato in lievitazione per circa 5 ore e 30'.Ho portato il forno a 250° . Ho messo dentro i filoncini portando la temperatura a 200° per i primi 10 minuti. Poi abbassato a 180° per altri 45'.







...e la Focaccia Bianca - Sorelle Simili


40ogr di pasta di rinfresco

sale e olio.


Stendere la pasta in unam teglia a bordi alti. Fate dei piccoli avvallamenti e sopra mettere olioe sale grosso. Fate lievitare per circa 3-4 ore e poi passate in forno a 220° per 7 minuti poi girare la teglia altri 7 minuti terminare. Togliere la teglia ed aggiungere altro olio e riinfornare per altri 7-8 minuti circa fino a cottura.










Alessandra.........Bon Apetit !!!!
SHARE:

Metti il 12 Dicembre al mare a mangiare pesce...

E dove?Ma senza dubbio al Il Giardino degli Aranci ad Ostia Viale della Marina 40/42.


Grande novità per me. Mi e' stato consigliato da mia sorella e devo dire che ha riscosso un grande successo.

Locale accogliente e molto carino una vera e propria chicca, e' posizionato al centro di Ostia a pochi metri dal pontile e a due passi da una nuova area pedonale che vi permette di fare una bella passeggiata ed assaporare il respiro del mare in una cittadina molto carina. Con un servizio impeccabile e sempre disponibili e pronti soddisfare qualsiasi esigenza, puoi mangiare naturalmente dell'ottimo pesce .... Crudo !!!!... ma anche cotto ;) e con una cantina di circa 750 etichette direi che ci si puo' stare seduti un paio di ore coccolati tra ostriche e del buon Franciacorta per chi rimane nazionalista.


Oggi io mi sono buttata su questo.. Ditemi voi che ne pensate.. Le foto spero che siamo esplicative.



Crudo ...






Ostriche






un classico due spaghi con Astice






Baccalà mantecato alla Vicentina con Cipolla di Tropea





.. e soffia soffia Ale che poi passa !!!







Alessandra..........Bon Apetit !!!

SHARE:

Quando le posate diventano commestibili.

Detto cosi potrebbe sembrare uno che sta veramente alla frutta..: " Ti mangi anche il cucchiaino??? ma quanta fame hai??" "Tanta e mi mangio anche il coltello..!!!! " Ahaha :D non e' una battuta ma semplicemente uno stampo ed il gioco e' fatto. Le cose semplici a volte sono le piu' buone come questi stuzzichini. Specie ora che stiamo andando verso le feste puo' essere l'idea di uno stuzzichino per una cena o un aperitivo veloce o magari da mettere nel cestino del pane delle prossime feste Natalizie molto sfiziosi e scicchettosi !!!
La ricetta sotto e' stata postata da Alessandra Asnaghi (Ombra del portico) sul forum di C.I.
CUCCHIAINI SALATI di Fabio Tacchella
200 gr. farina
170 gr. grana grattuggiato
200 gr. di burro freddo
200 gr. di albume.
Miscelare nel mixer formaggio, burro, farina e metà albume.
L'altra metà aggiungerla poco alla volta. Ottenere un composto cremoso senza grumi. Spalmare la pasta sullo stampo (sotto metti un foglio di silpat o carta forno).
Con una spatola morbida riempire bene i fori ed appiattire l'impasto. Con una spatola livellare, poi con la punta di un coltellino seguire i contorni per staccare l'impasto dalla forma. Togliere la mascherina e togliere eventuali sbavature con l'aiuto della spatola o di un coltellino.
Cuocere a 150°C x 10-13 minuti.
Conservare i cucchiaini in contenitori ben chiusi
Io ho fatto i coltellini !!!

Si posso farcire sopra come meglio desiderate oppure potete semplicemente mangiarli cosi semplici semplici...
lternativa altrettanto semplice , se proprio non si vuole fare l'impasto sopra o non si ha tempo, e' prendere una confezione di pasta sfoglia gia pronta (vi consiglio la buitoni per me la migliore) e a mano libera fare dei cucchiaini ... infornare e cuocere..e poi metteteci sopra quello che volete.
Io patè di olive taggiasche !!!

Da Alessandra uno stuzzichevole....... Bon Apetit !!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig