Le mie Vacanze Romane e dintorni..

Capita a tutti anche a noi romani in andare in vacanza... dentro la propria città. Io ho la fortuna di avere amici che non vivono a Roma e che mi vengono a trovare e cosi devo ricordarmi dove li ho portati la volta prima e fare programmi nuovi su come trascorrere bei giorni : e' anche un momento per me per vivere una citta' che normalmente vedo tutti giorni ma che non riesco mai a guardare con occhi diversi...

E cosi ci si butta subito in una delle piu' belle piazze di Roma al cui centro e' collocata una delle fontane piu' eleganti di Roma -Piazza Mattei e Fontana delle Tartarughe.




Realizzata su un progetto di Giacomo della Porta alla fine del Cinquecento e al quale Bernini aggiunse le Tartarughe nel 1658.

Ma non c'e' piu' a Roma solo qualcosa di vecchio di qualche secolo che spunta dal terreno.. Lo scorso 30 maggio e' stato inaugurato ed ha gia iniziato a lavorare il nuovissimo Museo Nazionale delle arti del XXI secolo, progettato da Zaha Hadid,....... E' MAXXI !!!!



Il MAXXI ha la missione di promuovere l'arte e l'architettura del XXI secolo e di raccogliere le testimonianze artistiche della creatività contemporanea per conservarle, studiarle e metterle a disposizione del pubblico e sarà di certo un punto di riferimento nazionale per le istituzioni pubbliche e private operanti in Italia e all'estero, così come per gli artisti, gli architetti e il pubblico più vasto, con un lavoro approfondito di valutazione del presente che delineerà un quadro in costante aggiornamento sullo sviluppo delle arti e dell'architettura del XXI secolo

A me e' piaciuto tanto tanto...








Ma non fossiliziamoci solo su Roma.. andiamo anche fuori un bel giro tra i famosi Castelli Romani nella speranza che magari troviamo anche un po' di fresco e magari ci godiamo il panorama belle sedute in una fraschetta e cosi iniziamo il giro da Castel Gandolfo con il suo Lago meta di tanti romani per fare le famose gite fuori di porta e pensate che uno Romano Doc di adozione ci fa anche le vacanze !!
Troviamo posto in una delle tante Fraschette proprio che danno sul lago.. Scegliamo cosa vogliamo mangiare ci sediamo e via.. si pappa !!!!

Le fraschette hanno un'origine antichissima, sicuramente medioevale, ma che in altre forme addirittura risalgono all'antica Roma, quando i contadini delle campagne romane in viaggio verso la capitale per vendere i propri prodotti necessitavano di punti occasionali di ristoro durante il tragitto.
Le origini della denominazione “fraschetta” sono riconducibili all'antico borgo di Frascata (l' odierna Frascati)
L'arredamento di questi locali era all'insegna della semplicità: Le botti di vino dominavano l'ambiente, solitamente disposte su un lato, mentre a beneficio dei clienti vi erano panche come sedili e tavolacci arrabattati, sparsi nella stanza. Come scarni ornamenti lungo le pareti dei locali solitamente erano esposte delle attrezzature tipiche per la realizzazione del vino. Infine in fondo al locale, su un livello interrato generalmente si trovava la cantina, dove i gestori conservavano il vino.
Ciò che differenziava le fraschette dalle normali osterie, era il fatto che questi posti fossero sprovvisti di cucina, e non veniva offerto nulla, eccezion fatta per il vino, del pane ed eventualmente di uova sode che servivano a preparare il palato alla degustazione del nettare di Bacco. Per tutto il resto bisognava recarvisi muniti di cibi propri. Si trattava quindi di punti di vendita e di degustazione diretta del vino prodotto in quell'annata.
Solo in epoca moderna all'interno delle fraschette stesse è possibile acquistare generi alimentari e quindi effettuare un pasto completo.
Oltre alla porchetta e al vino, gli altri prodotti tipici offerti dalle moderne fraschette provengono dalla enogastronomia della regione Lazio e sono principalmente costituiti da salumi, formaggi freschi e stagionati ed antipasti vari quali olive sott'olii e sott'aceti.
Questi antipasti, in genere, sono serviti in quantità talmente abbondanti che difficilmente si riesce ad ordinare un primo piatto (qualora disponibile) e ancor più raramente si riesce ad arrivare ad un secondo piatto, una portata peraltro molto scarsamente diffusa nelle fraschette.
(Fonte WIKIPEDIA)

Ma adesso e' ora di passare ad un'altro Castello anche questo con il lago... Nemi famosissimo non per il lago per le sue Fragoline di Bosco..



La fragolina coltivata tradizionalmente a Nemi appartiene alla specie fragaria vesca var. semperflorens ( fragola di bosco di origine europea). I frutti primari e secondari hanno forma allungata e fusiforme, a volte conico arrotondata, sono di dimensioni piuttosto ridotte ed hanno un peso medio ponderato di 1,2 g (minimo 0,5-massimo 2,2). Colore superficiale del frutto rosso vivo; colore della polpa biancastra spesso tinta di rosso a completa maturazione. Il sapore è mediamente dolce e mediamente acidulo. Aroma molto intenso.

Lentamente si girano anche gli altri castelli Genzano, Marino famosa per la sue fontane che danno vino nel periodo giusto... ma oramai si fa' tardi un caffe' a Frascati e poi lentamente si torna...a Roma..
Roma sempre calda anzi caldissima.. e' si ma che si fa' per rinfrescarsi dentro la citta'..?? Ci sono anzi ci vuole......" Grattachecca .....della sora Maria dietro al Vaticano " da non confondere con la granita....

La Grattachecca Romana e' un'altra cosa...ma la cosa che la rende ancora piu' unica e' l'origine . Tutto nasce proprio nell'antica Roma come mi racconta proprio la Sora Maria.. durante una delle tante estati calde Romane quando neppure il famoso ponentino riesce a dare pace ai Romani, la
moglie di un falegname chiamata Francesca.. ma data tutti "Checca " stava con delle amiche a provare a prendere del fresco.. ad un certo punto gli consegnarono del ghiaccio.. un bel lastrone lungo di ghiaccio..e cosi non ci penso' un momento di piu'.. prese uno strumento del marito falegname e comincio appunto a grattare il ghiacchio.... ma preferisco farvelo sentire proprio dalla voce della Sora Maria...


video


ed infine ma non per ultimo occorre provare anzi per me riprovare la famosa pizza di Gabriele Bonci da PIZZARIUM Via della Meloria 43 (metro: Cipro) Tel. +39 06 39745416 Chiuso domenica



Una pizza spettacolare , una lievitazione fuori dagli schemi, croccante e leggera allo stesso tempo con sopra dei condimenti particolarissimi... Vi consiglio di andarci e di provarla...mettetevi in fila.. fatevi il vostro vassoio prendete la viostra birretta ne ha di ottime e godetevi la vita !!

Alessandra.........Bon Appetit !!

4 commenti:

Blueberry ha detto...

Ciao Ale, che bel resoconto, sembrava di essere a Roma con te! Però io mi sono trattenuta dal pizzaiolo Gabriele a mangiare qualche altro trancetto di pizza! ;) Baci

Giulia ha detto...

Ale, vacanze romane, che bello!.. Mai pensato a Roma da questo punto di vista!

deny ha detto...

Cuochina, hai già salvato il tuo blog. Vai su timoe maggiorana Ale ti aiuta. deny

Cuoca a tempo perso ha detto...

@ BB ... anche io vorreinandare da Gabriele tutti i giorni ma non posso.. :=(
@ Giulia mi sono come al solito divertita un casino.... e poi Roma e' senpre bella..
@ Grazie Deny vado..

Un abbraccione a tutte

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...