Premio tutti !!!!

Ricevo un premio da Cook is Good una bella coppia di ragazzi Italo-francese che anche lo si diverto con questo mondo matto di foodblogger...



Dedico il premio a tutti e 135 i miei follower.. e anche a chi passa a trovarmi senza lascaire commenti dico anche grazie.

Regole del regalo


Queste sono le indicazioni quando si riceve il premio:
1) Ringraziare coloro che ci hanno premiato.
2) Scrivere un post per il premio
3) Passarlo a 12 blog che riteniamo meritevoli
4) Inserire il collegamento di ciascuno dei blog che abbiamo scelto
5) Dirlo ai premiati

Alessandra.... Bon Appetit

SHARE:

GIUDICE CONTEST CONTROCORRENTE

Pronti via....Ci siamo il mio amico Alessandro di la renna in cucina ha pubblicato il suo primo contest e mi ha chiamato a rapporto a giudicare tutte le ricette che arriveranno.
Felicissima di essere stata scelta rispondo all'appello e inizio con dare tutti i dettagli .


e qui tutte le istruzioni... Ma ricordate il contest e' di LARENNAINCUCINA !!!!!!

Contest - Controcorrente!

Vista la cronica mancanza di tempo libero che riesco a dedicare ai miei hobby: cucinare e vini, ho pensato di forzare la mano ed "impormi" l'obbligo di uno spazio temporale da ridspettare. In questo mi dovete aiutare voi.
Come? partecipando numerosi al mio primo contest! Ogni giorno dovro' dedicare del tempo a seguire i partecipanti, fare nuove conoscenze di bloggers e non-bloggers e leggere e guardare una (si spera) marea di ricette interessanti.

E allora veniamo al tema di questo contest. I sapori del Nord. Visto che vivo in Svezia perche' non proporre un ingrediente tipicamente nordico ma ben diffuso in tutto il mondo?.... no! non sto parlando delle polpette dell'IKEA!

Sto parlando del signor Salmone!!
Il timing mi sembra anche molto buono visto che duarnte le feste natalizie questo pesce riscuote sempre un gran successo.

Tutte le ricette verranno raccolte in un pdf e se proprio volete sapere se si vince qualche cosa... beh! si si vince anche qualche cosa! il premio verra' messo a disposizione qui a Stoccolma. Ogni vincitore sara' mio ospite a http://www.grappe.se/ per una degustazione con i miei vini.

Non pretendete pero' che vi paghi pure il volo e l'albergo!


Il regolamento:

•Le ricette devono essere a base di salmone. Deve esserne l'ingrediente principale. Crudo, cotto, affumicato o marinato, non importa... fate voi!


•Si parte dal 22 Novembre e si finisce alla mezzanote del 15 Gennaio 2011. Cosi' fate in tempo a condividere con noi come avete cucinato il salmone durante le feste!


•Una sola ricetta per categoria! Potete naturalmente partecipare in tutte le catogorie...


•Tutte le ricette devono essere corredate da foto.


•(Non mandateci gli avanzi)


•Si accettano solo ricette che sono state pubblicate nei vostri blog a partire dal 22 Novembre 2010.


•Il salmone va comprato da me... scherzavo!


Come si partecipa?


•Se avete un blog, mettete il banner del contest sulla vostra home page (su un lato)


•Il banner deve reinidrizzare su questa pagina


•Lasciate un commento in fondo a questa pagina con il link della ricetta e la categoria per cui partecipate


•Inserite sul vostro blog nel testo della ricetta il banner linkato a questa pagina


•Se non avete un blog (cosa aspettate ad aprirne uno?), inviatemi una e-mail con foto e ricettta.


Le categorie:

•Finger food e antipasti a base di salmone

*Primi piatti a base di salmone

•Secondi a base di salmone cucinato

•Secondi a base di salmone a crudo o marinato

•Dolci? ma daaaiii...non si fanno i dolci con il salmone!



In piu' ci sara' un vincitore per la ricetta piu' originale e per la foto piu' bella!!

La giuria!!
Eh si! c'e' una giuria composta da qualificatissimi giudici. Tutti italiani di cui meta' in Svezia e meta' in Italia (dove pagano le tasse non ci interessa..).

Dalla Svezia: Il sottoscritto, Giancarlo (da uno dei ristoranti piu famosi di Stoccolma), Stefano (un papa' in congedo parentale e appassionato della buona cucina)

Dall'Italia: partecipano EliFla di cuocicucidici, Patrizia di melagranata e Alessandra cuoca a tempo perso.

Anche i componenti della giuria possono partecipare al contest, naturalmente non potranno votare per se stessi. Un complicatissimo meccanismo con pesi e contrappesi (che non vi sto a spiegare...) fara' in modo che non saranno svantaggiati.

Allora, cosa state aspettando??


Buon Contest................Alessandra

SHARE:

Torta ripiena di Crespigno e Salsiccia

Questa torta salata arriva direttamente da Terni. Un po' di tempo fa' frequentavo la zona e più' di una vota mi e' capitato di condividere deliziosi pranzi in ottima compagnia non solo di persone ma anche di cibo e particolarmente di questa pizza ripiena di .............

Ma partiamo dall'inzio.
Crespigno
E' una pianta polimorfa presente in grande quantità nelle nostre campagne.
E' compresa nella grande famiglia delle composite e se ne conoscono tre tipi, somiglianti tra di loro e noti con tre nomi scientifici diversi: Sonchus oleraceus ( crespigno lattarolo); Sonchus asper ( crespigno spinoso); Sonchus tenerrimus ( crespigno sfrangiato).
Il primo, ovvero l’oleraceus ( l a t t a rolo) è una pianta glabra, morbida, annua; produce se recisa un latice bianco e dolce. È ramosa in alto e può raggiungere un metro di altezza. Ha foglie alterne sul fusto ed una infiorescenza a fiori ligulati gialli. Può vivere fino a 1700 m di altitudine.
Fiorisce da gennaio a dicembre. È presente in tutta la penisola.
Il Sonchus asper (spinoso) è una pianta annuale, con un fusto robusto poco ramificato e foglie pungenti generalmente lucide. Ha fiori ligulati gialli. Fiorisce da gennaio a dicembre.
Il Sonchus tenerrimus (sfrangiato) ha un fusticino eretto di colore rossiccio. Nelle intersezioni
dei piccioli che sostengono le foglie presenta della lanuggine di colore bianco. Ha foglie delicate e molto sfrangiate con un picciolo molto lungo; non sono quasi mai spinose. Ha fiori ligulati gialli che fioriscono da gennaio a dicembre .

Torta Ripiena di Crespigno e Salsiccia
Per la pasta
200gr di Lievito Madre rinfrescato il giorno prima
2 bicchieri d'acqua tiepida
sale
2 cucchiai di olio evo
Farina 0
Ripieno
2 salsicce
e circa 300 gr di crespigni ( pesati da lessi)

Prepara la pasta che risulterà' morbida e dividila in due parti: la prima usala come base di pizza sullo stampo precedentemente unto di olio. La pasta non deve riposare.
Prepara il ripieno: sgrana la salsiccia e passala in padella con uno spicchio di aglio, falla appasire due minuti e poi aggiungi il crespigno lesso e tritato a coltello e poi dosa di sale.
Cuoci per abbondanti 5 minuti in maniera da cuocere la salsiccia e far insaporire il crespigno.
Pronto il ripieno mettilo sulla base e poi rivestilo con il resto della pizza.
Se avete difficoltà' a stendere la pasta ungetevi le mani con l'olio.
Cuocete in forno già caldo a 200° i primi 15 minuti sul ripiano piu' basso. Poi passalo al ripiano medio se necessario fodera la pizza che potrebbe colorirsi troppo ed abbassa a 180° e cuoci per altri 15 minuti circa. Da mangiare tiepida.

Alessandra................Bon Appetit !!!
SHARE:

Poco Vellutata molto Zucca.

Il tempo e' maturo e dopo Halloween che ci si fa'?? Beh direi che ci si puo' lanciare in zuppe, creme e vellutate..

Vellutata di Zucca ma non troppo



Un po' di burro, un po' di porro , zucca ... fai rosolare e poi aggiungi una patata: frulla il tutto , un bicchierino di panna e poi decora con beacon a dadini abbrustolito in padella un filo d'olio evo e pepe.
ma se preferisci puoi anche aggiungere del riso e diventa una

Minestra di Zucca , Beacon e Riso



Alessandra...........Bon Appetit !!!
SHARE:

Metti un finocchio a cena. Buon Appetito Mr.B !


Aderisco molto volentieri all'iniziativa di Gaia di
La gaia celiaca per protestare contro un personaggio della nostra istituzione che non ha nessun riguardo nei confronti di nessuno.
L'iniziativa mi sembra bella e spero che porti un po' di sale nella zucca del nostro Presidente del Consiglio prima di aprire la bocca e quindi alcuni cenni sul Finocchio .
Foeniculum vulgare
Il finocchio (Foeniculum vulgare Mill.) è una pianta erbacea mediterranea della famiglia delle Apiaceae (Ombrellifere).
Conosciuto fin dall'antichità per le sue proprietà aromatiche, la sua coltivazione orticola sembra che risalga al 1500.
MorfologiaSi distinguono le varietà di finocchio selvatico dalle varietà di produzione orticola (dolce).
Il finocchio selvatico è una pianta spontanea, perenne, dal fusto ramificato, alta fino a 2m. Possiede foglie che ricordano il fieno (da cui il nome foeniculum), di colore verde e produce in estate ombrelle di piccoli fiori gialli. Seguono i frutti (acheni), prima verdi e poi grigiastri. Del finocchio selvatico si utilizzano i germogli, le foglie, i fiori e i frutti (impropriamente chiamati "semi").
Il finocchio coltivato (o dolce) è una pianta annuale o biennale con radice a fittone. Raggiunge i 60-80 cm di altezza. Si consuma la grossa guaina a grumolo bianco che si sviluppa alla base.
Coltivazione
Il finocchio è ampiamente coltivato negli orti per la produzione del grumolo, una struttura compatta costituita dall'insieme delle guaine fogliari, che si presentano di colore biancastro, carnose, strettamente appressate le une alle altre attorno ad un brevissimo fusto conico, direttamente a livello del terreno. La raccolta dei grumoli avviene in tutte le stagioni, secondo le zone di produzione. Si adatta a qualsiasi terreno di medio impasto con presenza di sostanza organica. Le piante vengono disposte in file e distanziate di circa 25 cm l'una dall'altra. La raccolta del grumolo avviene dopo circa 90 giorni dalla semina. Richiede frequenti e abbondanti irrigazioni e preferisce un clima temperato di tipo mediterraneo.
Uso in fitoterapia

Contiene: anetolo (da cui dipende il suo aroma), fencone, chetone anisico, dipinene, canfene, fellandrene, dipentene e acido metilcavicolo.
È emmenagogo, diuretico, carminativo, antiemetico, aromatico, antispasmodico, anti-infiammatorio, epatico. È utilizzato per chi ha difficoltà digestive, aerofagia, vomito e nell'allattamento per ridurre le coliche d'aria nei bambini. È noto infatti che una tisana fatta con i semi di questa pianta sia molto efficace nel trattamento di gonfiori addominali da aerofagia.
Inoltre combatte i processi fermentativi dell'intestino crasso, e quindi diminuisce il gas intestinale. Quindi può essere utile per ridurre la componente dolorosa della sindrome da colon irritabile.[1]
In cucina
 In cucina si possono usare tutte le parti del finocchio. Il grumolo bianco (erroneamente ritenuto un bulbo) del finocchio coltivato si può mangiare crudo nelle insalate oppure lessato e gratinato e si può aggiungere agli stufati.
Per quanto riguarda il finocchio selvatico, chiamato in cucina anche "finocchina" o "finocchietto", si usano sia i fiori freschi o essiccati, sia i frutti o “diacheni”, impropriamente chiamati “semi”, che sono più o meno dolci, pepati o amari, a seconda della varietà, sia le foglie (o “barba”), sia i rametti più o meno grandi utilizzati nelle Marche per cucinare i bombetti (lumachine di mare); le foglie s’usano fresche e sminuzzate per insaporire minestre, piatti di pesce, insalate e formaggi: nella " pasta con le sarde", nota ricetta siciliana, le foglie del finocchio selvatico sono uno degli ingredienti essenziali.
I fiori si usano per aromatizzare le castagne bollite, i funghi al forno o in padella, le olive in salamoia e le carni di maiale (in particolare la "porchetta" dell'Alto Lazio). I cosiddetti "semi" si usano soprattutto per aromatizzare tarallini (Puglia), ciambelle o altri dolci casalinghi e per speziare vino caldo o tisane. È in uso nelle regioni costiere del Tirreno, un "liquore di finocchietto", per il quale s'utilizzano i fiori freschi e/o i "semi" e le foglie.
Curiosità
L'espressione "lasciarsi infinocchiare" deriva dall'abitudine dei cantinieri di offrire spicchi di finocchio orticolo a chi si presentava per acquistare il vino custodito nelle botti. Il grumolo infatti contiene sostanze aromatiche che rendono gustoso anche un vino di qualità scadente.
La comune distinzione tra finocchio maschio e finocchio femmina è solo formale: il primo è di forma allungata e il secondo tondeggiante. Il cosiddetto finocchio femmina, più apprezzato sotto l'aspetto merceologico perché meno fibroso e più carnoso, si ottiene grazie al concorso di fattori ambientali associati alla natura del terreno e alla sua sistemazione superficiale e ad un'adeguata tecnica colturale.
L'espressione "finocchio" utilizzata in maniera discriminativa nei confronti di persone omosessuali deriva dal Medioevo.[senza fonte] Verosimilmente, le persone omosessuali venivano giustiziate al rogo e per coprirne l'odore venivano aggiunti finocchi al fuoco.[senza fonte]
Varietà di Finocchio coltivato
FinocchioBianco Perfezione
Bianco dolce di Firenze
Finocchio di Parma
Finocchio di fracchia
Gigante di Napoli
Grosso di Sicilia

Io uso il fiore creando questo Liquore al Finocchio Selvatico

1/2 litro di alcool
1/2 litro d'acqua
una manciata di Finocchio selvatico circa 30/40 gr
la buccia di mezzo limone
350/400 gr di zucchero
Mettere nell’alcool la buccia di mezzo limone e i soli fiori gialli e lasciali al buio per 21 giorni. Trascorso questo tempo fai lo sciroppo con l'acqua e lo zucchero e quando e' freddo aggiungilo all'alcool filtrato: mescola bene e lascialo riposare in frigo per altri 20 giorni.
Dopo 20 giorni filtralo e verifica se e' troppo forte o poco dolce ed in caso correggi.
Rimetti in frigo ed e' pronto per essere bevuto...
E' veramente un'ottimo digestivo.. mai senza a casa !!!

Alessandra......... Bon Appetit Mr. B !!!!
SHARE:

La Staffetta dell'Amicizia


Ricevo da Melagranata , la Patty con la quale ci definiamo sorelle, questa staffetta dell'amicizia, un modo gentile e carino per conoscersi un po'.

Spero di riuscirci...e quindi tenetevi pronti/e mi tolgo i veli !!!

1) Quando da piccoli vi domandavano cosa volevate fare da grandi cosa rispondevate?

Per noi ragazze nate nel'68 alle soglie degli anni 70, cresciute con pantaloni a zampe di elefante e onde vertiginose nei capelli un'attrice tra tutte catturava la mia attenzione Angie Dickinson , o forse era la professione che faceva del telefilm... Vi canto la sigla.... " una giungla e una citta'..oggi che succedera'...pericolo puo' esserci anche per te... ......."
Io volevo essere " L'agente Pepper !!"


2) Quali erano i vostri cartoni animati preferiti?
Ma senza dubbi e senza troppo fronzoli erano due: GIG ROBOT e CANDY CANDY.. !!!

3)Quali erano i vostri giochi preferiti?

Mah.. tanti... Il primo il mitico Dolce Forno, poche Barbie e molti giochi per strada: dalla campana al fare la capanne nel bosco.. a fare la guerra femmine contro femmine ma anche contro i maschi !!!


4)Qual’è stato il vostro più bel compleanno e perchè?

Mah.. da quando ho memoria sicuramente i miei primi 40 anni !!!

5)Quali sono le cose che volevate assolutamente fare e che non avete ancora fatto?

Andare dal dentista.. lo dico gia' da mesi...fare seriemante ordine nelle scartoffie...e un po' di dieta.


6) Qual’è stata la vostra prima passione sportiva e non?

Pallavolo.. giocavo in terza divisione.. e poi oltre la cucina che mi sembra ovvio, la Fotografia...


7) Qual’è stato il vostro primo idolo musicale?
Ma gli Spandau !!!


8 ) Qual’è stata la cosa più bella chiesta (ed eventualmente ricevuta) a Babbo Natale, Gesù Bambino, Santa lucia?

beh.. e' stata una mail ricevuta pochi giorni fa'.. volevo una cosa, la desideravo da morire ma oramai avevo perso le speranze ed invece.. SI !!! Ma non posso ancora parlarne non ancora !!!


Passo il testimone a tutte/tutti gli amici che per mia fortuna mi leggono ed hanno voglia di giocare un po'. Quindi prendete il testimone e lasciatemi un messaggio .
Alessandra
SHARE:

Il mio primo Anno con Voi !!!

Oggi compio gli anni e compio il mio primo anno di vita.. Chi sono? ma il Blog di Alessandra...sono Cuocaatempoperso !!
Proprio un anno ad Alessandra gli prendeva lo sghiribizzo di lanciarsi in questa avventura e non ho mai capito il perché' lo abbia fatto. Un po' spinta dalla melagranata un po' boh.. lo sa' solo lei occorrerebbe chiederglielo ma io ho deciso di fargli una sorpresa cosi in maniera autonoma ho deciso di auotopubblicarmi un post e fargli gli auguri.

Auguri per aver messo passione e tempo ne cuocaatempoperso., A volte e specie il primo mese ha fatto le ore piccole nel vero senso della parola, tempo nel capire come funzionasse un blog, post, titoli , ricette cosa postare e tanto altro: nel cercare di crearsi un suo spazio in un mondo tanto grande quello dei foodblogger e poi un grazie anche a tutti i sostenitori a tutti quelli che ci hanno creduto e giorno dopo giorno hanno lasciato commenti e grazie anche a tutti quelli che visitano la cuocaatempoperso che con le sue 100 visite al giorno si ritiene più' che soddisfatta.


Alessandra ha provato in maniera semplice con la "sua cucina" a deliziarvi, cercando sempre prodotti legati al territorio, semplici e sicuramente gustosi, quindi grazie Ale !!!
Non spengeremo nessuna candelina ma ci faremo una bella insalatina.....!!!!

Insatala Autunnale Portafortuna con Quenelles di Ricotta Pepata
Zucchina Romanescha

Carota

Melograno

Pomodorini Datterini

Pompelmo Rosè

Ravanello

Mango

olio sale pepe aceto bianco

Ricotta di Pecora

Pulire la zucchina e la carota con pelapatate e poi sempre con pelapatate tagliate carote e zucchine.
Tagliate a pezzi il mango, i pomodorini datterini, spicchi di pompelmo rosè a taglio vivo, il ravanello a rondelle.
Quando avete tutto pronto preparate una cidronette con lo scarto del pompelmo, olio aceto bianco una spruzzata sale e pepe, amalgamate il tutto con una frusta e dopo averla filtrata metterci dentro per 5 minuti la carota e le zucchine tagliate.
Scolateli dalla salsa e disponetele nel piatto poi aggiungete lentamente il resto degli ingredienti e aggiungete un filo di olio.
A parte prendete la ricotta e lavoratela con una leccapentola e una bella grattata di pepe nero.
formate delle quenelles che adagiate sopra l'insalata. gratata di pepe ed il gioco e' fatto !!!
Tanti Auguri e Buona Fortuna.......
.

Cuocaatempoperso...... Bon Appetit !!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig