Identita' Golose 2011

Pronti ci siamo !! Finalmente un Grande Evento e una grande occasione !!!

Milano si sta preparando a ospitare la settima edizione di IDENTITA' GOLOSE Congresso Internazionale di Cucina d'Autore che accoglierà quest'anno circa 70 fra i più interessanti chef italiani e internazionali (dalla Francia al Giappone, dalla Svezia alla Turchia...).
Il congresso si terrà al Milano Convention Centre di Via Gattamelata 5, dal 30 gennaio al 1 febbraio.Il programma è talmente fitto che ti consigliamo di consultarlo qui http://www.identitagolose.it/italiano/programma.php mentre qui puoi saperne di più sui protagonisti http://www.identitagolose.it/italiano/relatori.php.
Io ci faro' un bel salto con la speranza di portarmi a casa esperienze interviste e tanto altro: spero di avere il piacere di rivedere anche qualche Chef che ho avuto l'onore di conoscere al Gambero e riuscire a mettere nero su bianco delle emozioni e tanto altro di queste giornate con i loro profumi e le essenze del buon cibo.
Alessandra seguitemi e ...............Bon Appetit
SHARE:

Gambero Rosso - La Scuola Cucina di Classe


GAMBERO ROSSO - LA SCUOLA CUCINA DI CLASSE
Dopo il successo della prima edizione, al via la seconda edizione di La Scuola – Cucina di classe, il primo ed unico Talent Show gastronomico prodotto in Italia che offre la possibilità ai non professionisti di entrare nel mondo della ristorazione.


Dopo una selezione di oltre 600 richieste da parte di persone provenienti da tutta Italia, il programma vede la partecipazione di 24 agguerriti concorrenti pronti a sfidarsi a colpi di ricette.


Dalla studentessa all’ergonomo, dall’esperta in sistemi radar alla professoressa di zoologia, il cast è tra i più vari e copre anche il campo internazionale con la partecipazione di una venezuelana, un’indonesiana e un tripolino.


Accomunati solo dalla loro passione per la cucina, i concorrenti dovranno affrontare in ogni puntata la prova del piatto obbligatorio, con la lezione del maestro chef Igles Corelli, e quella del piatto creativo con le indicazioni di un famoso chef diverso ogni volta.


Presentato da Francesca Barberini, il Talent Show prevede prove a punti con eliminazione, determinata dall’insindacabile giudizio di una giuria composta da Francesca Riganati, direttrice delle Scuole della Città del gusto di Roma, da Allan Bay, scrittore, giornalista e critico gastronomico e da uno chef famoso. Al vincitore la conduzione di un suo programma su Gambero Rosso Channel.


In onda in esclusiva su Gambero Rosso Channel, Sky canale 411, dal 3 febbraio ogni giovedì alle 21.30

......... E ci sono anche io !!!!!!!

Quanti concorrenti....
http://www.youtube.com/watch?v=7w7APnROrFo


e intanto l'attesa...
http://www.youtube.com/watch?v=H6_ula4BYpk



Seguitemi.... !!!! e ne vedrete delle Belle !!!! e commenteremo insieme tutte le puntate !!! e ripercorreremo insieme ricette e mal di pancia...

Vieni anche a conoscerci...http://www.gamberorosso.it/article?id=263468
A presto ....Alessandra
SHARE:

Cuoca e Fiamme !!!!!

Tenetevi .. dopo piu' di un mese e' arrivata la mia puntata.. Mi raccomando preparatevi mi vedo terribile forse lo sono.. un poco nervosa anzi nevrotica... trucco e parrucco non sono stati il massimo ma comunque mi sono divertita tanto tanto..
Dove??
Sono stata a Cuochi e Fiamme con Chef Rugiati e 3 matti anzi forse un solo matto in giuria Riccardo Rossi, un'altra blog come me la Chiara Maci e una professionita' del palato la Fiammetta Fadda

http://www.la7.tv/richplayer/index.html?assetid=50199978

Che dire prendetevi 40 minuti mettevi comodi e divertitevi.... Alessandra


SHARE:

Muffin salati alla Zucca con copertura di Cioccolata Fondente e Chicci di Sale di Cervia


Un titolo lunghissimo.


Potevo chiamarli.." Muffin delle ore 8.10 del mattino " ma tutti avrebbero creduto a muffin dolci, classici e buonissimi da abbinare appunto ad una colazione e per avere una carica in piu'.
Invece io in realta alle ore 8.10 di mattina ero in cucina nella mia cucina ma per sperimentare due abbinamenti che non a tutti piacciono.
Era gia' da un po' che mi frullava in testa una cosa semplice ma ultimamente sono stata presa e non ho avuto tempo di tornare a casa e mettermi ai fornelli. Ero stanca ed ai fornelli ci stavo tutto il giorno ma questo e' un'altro post anzi il prossimo e vediamo che ne pensate.
Tornando ai nostri anzi miei Muffin volevo abbinare due sapori la zucca e la cioccolata per poi essere usati come panini da abbinare a formaggi e salumi.

Ed e' cio' che ho fatto.

Muffin salati alla Zucca con Copertura di Cioccolato Fondente e Chicci di Sale di Cervia




230 gr di Zucca stufata

200 gr di farina

1 Uovo

una punta di Curry e Cannella

50 gr di Emmenthal

un pizzico di sale

Lievito 1/2 bustina

2 Manciate di mandorle sfilettate

Cioccolata Fondente Valrhona 85%

Olio evo

1 Ramo di Rosmarino

Chicci di sale di Cervia


In una padella ho messo olio evo ed il ramo di rosmarino, ho fatto aromatizzare l'olio e poi ho tolto il rosmarino, e poi ho aggiunto la zucca tagliata a pezzi aggiunto sale e l'ho fatta stufare per circa 10 minuti . Ho messo la zucca stufata e fredda nel mixer, ho aggiunto il formaggio ed ho fatto frullare. Poi ho aggiunto l'uovo, le mandorle un'altro pizzico di sale, le spezie e ho rifrullato per 30 secondi. Alla fine ho aggiunto la farina il lievito.Pronto l'impasto e' stato distribuito nei pirottini e infornati a circa 180° per 15 /20 minuti.

Nel frattempo ho fatto sciogliere a bagno maria il cioccolato ed ho aggiunto due e ripeto due goccie di olio evo.

Sformate le tortine ho spennetto la calotta con il cioccolato e poi ho aggiunto chicci di Sale di Cervia.

Accompagnate le tortine con formaggi saporiti e Alessandra....... Bon Appetit !!
SHARE:

Contest.. SALMONE CONTROCORRENTE


Siamo giunti alla fine.. ed abbiamo il verdetto.... e come Giudice ho deciso di scrivere velocemente due righe per dire lo stado d'animo che si vive quando giudichi una ricetta.

Ragazzi/e e' durissima.
Devi leggere tutte le ricette , magari le rileggi per capire i passaggi. Poi IO spesso chiudo gli occhi cercando di immaginare il piatto finale, provando ad utilizzare tutti i sensi nella speranza di provare delle emozioni

Si dico delle emozioni perche' almeno per me personalmente, il cibo fa' scature quella parte direi "animale" nel senso che mi si addrizzano tutte le antenne, ho tutti i 5 sensi amplifici : e' proprio una vera e propria emozione.

La prima che provo e' quella visiva: l'impatto subito, se e' ben impiantato me lo sbranerei subito.

Il secondo e' il gusto... comincio a leggere ed inzio ad immaginare il sapore e subito seguito dall'olfatto come se provassi a risentire gli odori degli ingredienti usati.

Poi continuo a sentire i tagli delle verdure, lo sfrigolio dell'aglio e l'olio magari nella padella insomma i rumori della cucina.. sino ad arrivare al tatto nel senso che cerco di capire le consistenze e muovo molto le dita.

Ripeto non e' stato semplice ma felice di averlo fatto...Ed ora andiamo al dunque...questo non e' il post ufficiale che troverete su LA RENNA IN CUCINA con tutti i commenti e le foto. Io vi metto velocemente i vincitori. Andate da Alessandro e leggete il post.

Alessandra.............Bon Appetit !!!!
SHARE:

Una 24 ore per disintossicarsi !!!




L'immagine di cui sopra e' bellissima dal qudro "Toilette" di Botero.. artista contemporaneo decisamente fuori dagli schemi...

Non sto qui a fare una lezione sull'arte ne tantomeno sull'autore perche' ne sono incapace.. mi piace il quadro e l'ho voluto mettere e basta..


Sto qui a raccontarvi come meglio semplicemente disintossicarsi after queste feste.. e nel dirvi che anche una donna grossa o grassa se preferite come quelle che dipingeva Botero ha fascino bellezza ed e' Sexy...!!!


Mangiando normalmente accumuliamo tossine che parte vengono espulse normalmente mentre altre no.
Pertanto fare una mini digino mensile aiuta a dare una bella pulita al corpo.
ma come possiamo fare??

Comincia alla sera.
In questo modo, sfruttando le ore notturne, potrai astenerti dal cibo per una quindicina d’ore senza fatica. Per non pensare al cibo, l’ideale è organizzare una serata piacevole in compagnia, e infilarsi a letto senza passare dal frigorifero con una bella tisana senza zucchero.

Ricordati la regola principale.
Per 24 ore niente cibo, ma solo tanta acqua e/o liquidi - almeno 3 litri - e tisane o tè in quantità libera. L’introduzione dei liquidi, oltre a garantire la giusta idratazione dei tessuti, favorisce l’eliminazione delle tossine, e aiuta a calmare la fame, che comunque si fa sentire solo nelle prime ore. Bere spesso, e a piccoli sorsi, è il metodo ideale per superare le ventiquattr’ore di digiuno senza sforzi, ottenendo una disintossicazione assicurata e volendo anche ad una perdita di peso..
Ma non si deve puntare al dimagrimento quanto alla disintossicazione totale del fisico.

Fai attenzione al risveglio.
Sarà il momento più critico, soprattutto se sei abituata a fare una colazione sostanziosa. Il corpo, infatti, “registra” come un computer le abitudini alimentari quotidiane, per mandare ogni giorno l’impulso corrispondente. Per resistere alla fame, ancora una volta il segreto è bere, magari un tè forte e zuccherato con aggiunta di succo di limone.

L’ultimo sforzo ed è fatta!
Non resta che superare indenni il salto del pranzo, magari approfittando degli impegni giornalieri per distrarsi, e le 24 ore del mini digiuno saranno ultimate.

Riprendi con il ritmo giusto!!

Finita l’astinenza, vietato buttarsi sul cibo senza controllo. Il modo in cui si ricomincia a mangiare, infatti, è importante tanto quanto il digiuno, sia per preservare il dimagrimento che per proteggere l’organismo. La ripresa alimentare deve avvenire in modo lento e progressivo per riabituare il sistema digestivo: è bene ricominciare con frutta, verdura e cereali ben cotti, per poi aggiungere il giorno successivo anche pesce e latticini e solo il terzo la carne. Così, la salute è assicurata e la linea anche…

Molto possono avere difficolta' a seguite una regime di digiuno alimentare per 24 ore.
Allora fate due semi-digini a base di liquidi al mese per 12 ore .


E' ideale partire dal dopo pranzo ore 13.00/14.00 da un after pranzo leggero a base di vedure cotte al vapore e condite al minimo e poi arrivare ad una cena a base di una bella tisana calmante , depurativa -disintossicante.


La colazione sara' a base di una bella tisana con Guarana' e Miele e una frullato di frutta per poi arrivare ad un pranzo dove le regole rimangono le stesse di quelle di sopra.. cioe' reintegradere gradualmente gli alimenti...



E' un suggeriemento solo a chi e' in un perfetto stato di salute.. e se poi vedete che non c'e' la fate ..non problem.. un bel frutto e magari dopo 10 gg riprovateci.. e ricordate un piccolo semi digiuto aiuta sempre a disintossicarci...

Alessandra............ Bon Appetit !!!
SHARE:

Burro all'Aringa Affumicata e Crostini ai Semi

Avevo in testa di fare una ricetta rua come antipasto ma aime' , un po' per il tempo un po' per la fretta non sono riucita a trovare un ingrediente giusto: l'aringa fresca o sotto vuoto.
Cosi ho comprato l'aringa affumicata.. Ho fatto tutti i trattamenti latte etc ma niente l'odore dell'affumicato non andava via .
Cosi ho detto "e mo' che ci faccio con questa aringa??" Era' morbidissima ma sapeva di affumicato.!! E cosi anche su suggerimento di Giulia Rossadisera e' uscito fuori una cosina buona buona di facile realizzazione adattissima a molti momenti.


Burro all' Aringa Affumicata e Crostini ai Semi

200 ml di panna fresca
filetti di aringa affumicata lasciati in ammollo nel latte per 24 ore
pepe
aneto


Ho montato la panna sino a farla diventare burro a questo punto ho aggiunto l'aringa sminuzzata con pizzico di pepe e aneto.
Ho usato il frullatore ad immersione pochi secondi e poi ho messo in composto nella pellicola trasparente e gli ho dato la forma di una salsiccia.
Messo nel frigo per circa 2 ore, una mezz'ora prima di servire l'ho messo nel frizzer per renderlo un poco piu' compatto.

Burro all'Aringa Affumicata e Crostini ai Semi di alessandra Ruggeri

Ho accompagnato il burro con dei crostini biscottati  sfornati da poco e quindi tiepidi fatti in casa con un lievito madre, farina di manitoba, olio, sale e semi misti : lino, sesamo e girasole.

Quando lo spalmerete si sfaldera in tanti pezzi esaltando i pezzettini di aringa..
Delizioso antipasto da servire con bollicine che sgrassano dal burro ed esaltano la giusta sapidita' dell'aringa affumicata.

Alessandra.............Bon Appetit !!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig