A cena con Agostino Arioli


5 portate realizzate da NOI : Francesco Ranzani e Alessandra Ruggeri, concorrenti del talent show gastronomico La scuola, Cucina di classe - Gambero Rosso ....abbinate a Tipopils, Bi Weizen, Bi Bock, Ambershock, Vùdù raccontate in prima persona da Agostino Arioli !!!

Menù

Falafel con salsa tzatziki- Tipopils

Insalatina di petto d'anatra affumicato con dressing alla senape -B.I.-Weizen

Millefoglie di parmigiana di melanzane - Bibock

Il vero roastbeef all'inglese con caponatina - Amber shock

Vùdù split – gelato alla Vudù


30 posti solo su prenotazione 338/2471089 presso LA Birroteca del Greve




***


Quando mi e' stato proposta sta cosa da Francesco mi e' piaciuto un casino. Abbinare il cibo alla birra non e' la cosa piu' semplice e soprattutto devi sempre cercare di mantenere alcuni equilibri.

IO credo che ci siamo riusci e quindi partiro' alla volta di Greve in Chianti pronta per cucinare. Saro' emozionata e non me ne vergogno a dirlo anzi mi piace questa emozione. Mi fa crescere l'adrenalina , mi sale la concentranzione e spero che vada tutto ok.

Riusciro' a fare foto ? a documentarvi su come usciranno i piatti...? verranno bene??? vi aggiorno tra pochi giorni.




Alessandra............Bon Appétit !!!!
SHARE:

2 dolci e 2 salati per aperitivo alle 19.30

Qualche giorno fa dovevo preparare una cosina per una piccola mostra di quadri qui all'Eur e mi e' stato chiesto due cose salate e due cosine dolci
Beh la scelta non e' stata molto difficile anche se dev dire la cosa piu' difficile e' stata aprire il forno e cucinare , anche perche' son capitata nelle giornate piu' calde di luglio Mi sembrava di morire: facevo training autogeno ripetendo a me stessa " non fa caldo.. non fa' caldo.. !" Non sapevo piu' se mi sentivo una saltona o Silvester Stallone nel film.. vabbe' in qualche modo e' servito.
Ma tornando alle cosine da cucinare mi e'stato chiesto proprio due stuzzichini e vista la stagione e la semplicita' richiesta mi sono orientata su cio

Crema di Zucchine al profumo di Mente



Zucchine
Cipolla dorata
Menta Piperita e Mentuccia
Sale
Pepe
Olio

Pulite le zucchine tagliatele a pezzi e stufatele in padella subito dopo aver fatto imbiondire la cipolla.Cuocerle per circa 20 minuti a fuoco medio. Passate le zucchine al mini pimer da immersione e per facilitarvi l'operazione mettete un mestolo di brodo vegetale. Quando avete ottenuto la crema salate, pepate e mettete le erbe tritate a coltello . Io l'ho fatto a mano anche perche' c'e' sempre la questione che si possono ossidare.Aggiustare di olio . Service su / con dei crostini con la crema rigorosamente fredda. Buonissimi.

Girelle di Sfoglia di robiola e Speck


Pasta Sfoglia , Speck , Robiola

Stendere la pasta a forma rettangolare , spalmaci sopra la crema un po di pepe e a chiudere lo speck . Arrotolare la pasta formando un rotolo e poi tagliarlo a fettine. Mettere le girelle sulla carta forno ed infornare a 200° per 20 minuti.



Meringhette



150 gr di albume d'uovo
150 gr di zucchero
Gocce di limone

Mettete nella planetaria gli albumi e fateli iniziare a montare quando sono a meta' aggiungi gradualmente lo zucchero e le goccie di limone.Se trovate le bocchette per la sac a poche (io non so piu' dove le ho messe !!) fate le meringhe piccole ma anche di bella forma!! Fatele asciugare in forno per 1 ora a 100°, meglio se fate a 60° per circa 2 ore e comunque andate anche un po' ad occhio quando sono asciutte sfornate.


Pasticcini di Frolla, Crema e Frutta

Frolla Maurizio Santin
500 gr di farina 00, 140 gr di zucchhero a velo, 1 Uovo intero + 3tuorli, Scorza di limone grattugiato.

Crema
3 torli di uovo
2 cucchiai di farina non eccessivamente colmi
3 cucchiai di zucchero
300 ml di latte circa
la buccia di un limone

Per decorare ...Frutta di stagione

Alessandra.....Bon Appétit !!
SHARE:

Granatina di Gazpacho su Caprino

Si fa presto a dire Gazpacho.. !!! Per una serie di ragioni che non sto a dirvi (perche' non voglio annoiarvi ) mangerei Gazpacho tutti i giorni lo trovo particolarmente gustoso e goloso e poi visto questo caldo avere qualcosa di fresco direi che male non fa' anzi.


Una delle ultime volte che l'ho preparato era per cena della mia palestra : l'ho preparato la mattina, con tanto amore , per la sera proprio con l'intento di farlo arrivare bello fresco e visto che si stava in un ambiente dove il " fisico" fa da padrone ho pensato che fosse il piatto giusto.


Risultato della serata: lo hanno assaggiato in pochi. Capisco che magari uno faccia pochi viaggi... ma la domanda piu' frequente era . " e che e'???"


In effetti se ci penso un secondo io sono una privileggiata. Giro il paese per lavoro e questo mi permette di assaporare e provare tantissimi piatti : in piu' posso farmi la battuta giro il mondo per divertimento e ho fatto viaggi particolarmente lunghi ed in tante parti del mondo ed a volte sono anche partita solo per provare un piatto. Quindi ritornando a noi essendo una privilegiata che viaggia tanto ho avuto la fortuna ed ho al fortuna di conoscere diverse culture anche attraverso la cucina.. Cosa che potrebbe sembrare banale ma non tutti possono fare.


Quindi risultato piaciuto poco pero' non si sono neppure sforzati a capire un piatto poi cosi vicino a noi visto che e' tipico dell'Andalusia.


Detto cio' non mi sono persa d'animo anzi, mi ha cominciato a frullare il cervello e cosi l'altro giorno me lo sono riproposto ma in questa versione .






Granatina di Gazpacho su Caprino Caprì Mauri


Un kilo di pomodori rossi
2 cetrioli piccoli
1 fetta di pane
2 denti di aglio
1 peperone
1/4 litro di olio di oliva
Aceto di vino rosso
Sale
Acqua
Cipolla qb

Caprì Capra di Mauri


Per prepararlo è fondamentale frullare tutti gli ingredienti, i peperoni, i pomodori e i cetrioli, filtrarlo e togliere tutti i semi e i pezzi di buccia. L’operazione e’ un po’ una scocciatura e personalmente la ripeto per ben 2 volte .Poi si aggiungono gli spicchi d'aglio schiacciati , il pane, l'olio, con un po' di aceto di vino rosso e sale. Per la giusta densita’ si puo’ versare acqua. Si lascia riposare in frigo e si serve bene fresco : volendo c’e’ chi aggiunge anche due cubetti di ghiaccio.



Ed e' proprio dal discorso del ghiaccio che ha cominciato a frullarmi in testa un'idea e allora cosi semplicemente ho versato un po' di gazpacho in un contenitore trasparente ..direi che era del diametro di 20 cm e ne ho versato circa 2 cm di altezza di liquido e messo nel congelatore.


Dopo circa 30 minuti con un cucchiaio ho rimescolato il tutto e riposizionato nel congelatore. Dopo altri 40 minuti ho iniziato a grattarre la parte superficiale e poi rimesso in congelatore. Ho ripeuto piu' volte questa operazione cercando di trovare il tempo e la consistenza giusto. Dico circa 30 minuti ma attenzione nel vostro congelatore potrebbero essere 20 quindi diciamo prendetevi del tempo e state dietro il Gazpacho.


Quando trovate la consistenza giusta e se vedete che si e' troppo cristallizzato non ce' problema potete aggiungere dei cucchiai di gazpacho liquido, mettere per 10 minuti in freezer e poi rilavoratelo. Dicevo trovata la consistenza giusta il resto delle operazioni sono semplicissime.


Tagliate il Capri' di Mauri: se vi sembra duro potete lavorarlo e poi dargli una forma. Tagliatelo e posizionatelo all'interno del cucchiaino. Subito sopra posizionatevi la mini quenelles di Gazpacho e una mini fogliolina di basilico. Va' mangiato immediatamente o riposizionatelo nel freezer altrimenti....



Alessandra............Bon Appétit !!!
SHARE:

Le Mie Pesche Sciroppate

Siamo in stagione e non possiamo perderci uno spettacolo del genere, anzi dobbiamo assolutamente farle.. Le pesche sciroppate sono ottime da mangiare cosi semplicemente messe nella coppetta o come meglio preferite. Quest'anno ho deciso di farmele da sola e quindi sono andata ho guardato soprattutto come spelare al meglio la buccia che non sempre viene via in maniera perfetta.

Ho trovato navigando qua' e là vari metodi. il migliore sicuramente e' quello di passare le pesche sotto l'acqua pulire la buccia e poi metterle in una pentola insieme a dell'acqua portare a bollore e far bollire circa 3 minuti. Toglierle poi dal fuoco scolarle e passarle sotto acqua fredda. Questo metodo ci permette due cose: la prima e' quella di togliere via velocemente la buccia e fidatevi se prendete le pesce percoche della consistenza giusta ( ne dure , ne sfatte) la buccia viene via in un batti baleno.
La seconda e' quella di dare appunto una sorta di cotta alla pesca che di certo non gli fa' male.

Pesche Sciroppate

Pesche Percoche, Zucchero, Acqua, Chiodi di garofano

Sbucciate circa 1 kg di pesche usando il precedimento descritto sopra.

Una volta sbucciate tagliatele a spicchi o a meta' dipende dalle pesche e dalla vosta bravura. Una volta tagliate posizionatele nei barattoli: versate sino a coprire per bene le pesche lo scioroppo fatto con 1 litro di acqua e 400 gr di zucchero e 10 chiodi di garofano.

Mettete i barattoli in una pentola con acqua , stringendogli intorno un canavaccio in maniera che se dovesseso urtarsi tra loro non si rompano.

Portare a bollore e lasciate bollire per circa 35 minuti , dopodiche spegnete e lasciate raffreddare completamente.

Una volta freddi i barattoli capovolgetevi per circa 8 ore o una notte.


Alessandra...........Bon Appétit !!!!
SHARE:

Liquori Liquori Liquori

Ci siamo.!!! Mese pieno di produzione tra conserve, marmellate e liquori. Potevo dimenticarmi dei liquori?? Io no.. Iniziano nuove sperimentazioni e produzioni di altri liquori invece gia testati.


Nel passato vi h0 fatto conoscere Basilichello Ottimo liquore profumato al basilico, digestivo che vi consiglio una forte produzione. E' veloce e semplice per i reperimento della materia ed e' ottimo d'inverno.




L'altro invece e' il liquore alla finocchio selvatico o Liquore d'OroRimane letteralmente di colore oro dal profumo inteso di finocchietto e' stato una rivelazione per l'anno 2010/2011 . Apprezzatissimo da amici e parente e' stato lo scorso anno una sperimentazione ben riuscita della quale mi sto accingendo a ripetere ma occorrera' aspettare ancora un altro mese.





Ed ultimo ma non per importanza L'ArancelloCon il suo profumo di arancia ricorda molto un noto liquore e' stato da me apprezzatissimo soprattutto in cucina poiche' l'ho utilizzato per fare bagne appunto al profumo di agrumi..



Nell'attesa del finocchietto ed altro mi sono lanciata su altri due prodotti nuovi:




Il Liquore alle Erbe del Balcone di Ale


E' molto semplice e per ora posso solo farvi vedere le erbe che ho utilizzato poiche' sono a macerare con l'alcool. Per Il liquore definitivo dobbiamo attendere ancora un mesetto,. Ma noi portiamoci avanti e poi a settembre beviamo .

In una recipiente ho messo circa 5 ramoscelli di menta piperita, Salvia 5 foglie, Rosmarino 2 rametti, basilico 4/5 foglie, un poco di buccia di lime ed ho innaffiato il tutto con 500ml di alcool a 95°. Lascero' il recipiente al buio per circa 20 gg ( vediamo che colore assumerà il liquido) e poi aggiungero' circa 500 ml di acqua nella quale vorrei sciogliere circa un 300/400 gr di zucchero e circa 8 chiodi di garofano. Lascerò' riposare per circa 1 mese e poi si assaggia.



Ciliegino Sto facendo macerare la polpa e noccioli di circa 300 gr di ciliege belle mature con 500 ml di alcool a 95°. Tra circa 20 gg o forse piu', filtrerò' ed aggiungerò' 600/700 ml di acqua e circa 400 gr di zucchero. Vorrei ottenere un liquore dolce e non eccessivamente forte.



Per tutti gli aggiustamenti dobbiamo aggiornarci a fine Agosto.



Alessandra..............Bon Appetit!!

SHARE:

Ciliegie, Amarene, Marasche o Visciole ???

La ciliegia o anche cerasa, in molti dialetti italiani, è il frutto del ciliegio. Il nome dialettale, così come quello portoghese, francese, spagnolo e inglese deriva dal greco κέρασος (Chérasos), che era il nome della città di Cerasunte, nel Ponto , l'attuale Turchia da cui, secondo Plinio il Vecchio, furono importati a Roma nel 72 a.C. da Lucio Licinio Lucullo i primi alberi di ciliegie.
In effetti il frutto può nascere da due diverse Specie botaniche. Da una parte il ciliegio dolce cosiddetto Prunus avium, che produce Le Ciliegie che siamo abituati a consumare come frutta fresca.


Dall'altra il ciliegio visciolo Prunus cerasus che produce le amarene e le marasche, genericamente definite come ciliegie acide : Le Amarene frutti di colore rosso chiaro con succo incolore di forma depressa ai poli, sapore relativamente poco acido e poco amaro Le Marasche frutto piccolo rosso scuro, con succo rosso intenso, sapore amaro e molto acido Le Visciole ritenute gli ibridi spontanei fra ciliegio acido e ciliegio dolce .


Personalmente adoro le Ciliegie ma vorrei mangiare tantissime amarene e giocare in cucina con le visciole, ma no sempre si riesce a fare quello che si vuole.
Ho trovato il mio puscher e cosi ho ordinato un casseta di visciole che e' in arrivo. Nel frattempo la produzione estiva per le riserve invernali e già iniziata. Appena uscite le prime ciliege ho avviato la classica procedura delle ciliegie di Casa Ruggeri.



Ciliegie Sciroppate


Protocollo di casa Ruggeri


Ciliegie e Zucchero


E' come faceva la mia nonna e che si tramanda da sempre chez moi: quello di prendere un barattolo di riempirlo di ciliegie e di zucchero, chiuderlo e metterlo a sole durante tutta l'estate finche' lo zucchero non si e' sciolto ed e' diventato un favoloso liquido dal colore rosso ciliegia scuro e dal sapore intendo. La cosa importante e' riportare in casa alla sera il barattolo. Non fargli prendere umidita'. Non chiedetemi perche' la mia nonna faceva cosi: io lo faccio, un po' per scaramanzia , un po' perche' mi ricorda lei ma sino ad ora sono sempre riuscite buonissime quindi perche' cambiare protocollo???



Alessandra.........Bon Appetit !!!

SHARE:

Piccoli antipasti.... Tapas !!!

Vista questa grande calura estiva niente di piu' appropriato di un antipastino o di un tapas come dir si voglia.
Sara' forse il caldo o la voglia di stare in vacanza e magari in Spagna verso l'Andalusia, che l'altro giorno mi sono preparata questo sfizio veloce e goloso.
Forse non tutti sanno che le Tapas di orgine Spagnola il termine “tapa” deriva dal verbo “tapar” : “coprire” in spagnolo. La parola ha in realtà diversi significati :
•Una tradizione popolare vuole che si utilizzasse un pezzo di pane per coprire il bicchiere di vino, evitando che i moscerini vi ronzassero attorno. Di lì a poco divenne naturale coprire la fetta di pane con qualcos'altro.
•Alcuni esperti sostengono invece che le tapas vennero inventate nel 16° secolo nella regione della Mancha, quando gli osti scoprirono che il sapore forte dei loro formaggi riusciva a “coprire” quello dei vini meno buoni. Da qui presero poi l'abitudine di servire il vino accompagnandolo a pezzi di formaggio.
•Un' altra credenza popolare vuole invece che il re Alfonso XII si sia fermato una volta in una taverna presso Cadice, ordinando un bicchiere di vino. Il cameriere che glielo servì coprì il bicchiere con una fetta di prosciutto, per evitare che la sabbia spinta dal forte vento entrasse nel bicchiere del Re. Alfonso XII una volta bevuto il vino e mangiato il prosciutto, ne ordinò un'altro con la stessa “copertura”.
Qualunque sia l'origine c'e' da dire che sono buonissime.. Le gusti in genere in Spagna prima di andare a cena appunto come aperitivo ma attenzione che poiche' ce ne sono di tante e di buonissime praticamente ci ceni o pranzi dipende.

Zucchine Grigliate con Caviale di Feta, Miele al profumo di Mentuccia
Ingredienti
Pane Bruscato, Zucchine grigliate, Miele Millefiori , Feta, Mentuccia , Olio e pepe
Tostate il pane su una griglia e volendo potete contemporaneamente grigliare le zucchine. Adagiate le zucchine sul pane bruscato sbriciolate sopra la feta aggiustate di pepe un goccio di olio un giro di mile e il trito di mentuccia.
Molto delicata e fresca questa perfetta tapas di verdure e' da abbinare ad una buona birra fresca e per questo vi rimando a quest'ultima mia avventura TaraluccieBirra.blogspot.com dove troverete quella che per me puo' essere l'abbinamento perfetto. Un blogghino nel quale parlo di birre ( o piu' che altro dichiaro le birre che bevo) e tutto quello che posso abbinare o cucinare con la birra. E' ancora Working Progress ma ci stiamo attrezzando.
Alessandra.............Bon Appetit !!!
SHARE:

Il Mio contest e le ricette di Claudia

Il mio contest " Una ricetta lunga 150 anni " si e' concluso da poco e si lo so devo ancora fare il PDF con la raccolta di tutte le ricette lo faccio un attimo ho iniziato ma ci vuole tempo .. lo faccio a breve..
Ma vi ricordate chi ha vinto il mio contest.. ?? Claudia di Mon Petit Bistrot e la ragazza ha ricevuto il famoso "pacco regalo " con dentro i prodotti di tutte le regioni italia..
Beh adesso vi faccio una piccola sintesi di quello che ha ricevuto e di quello che sta cucinando con...
Claudia Blog Mon petit bitrot Venerdì 24 giugno 2011
Il contest che sembra non avere mai fine

ecco...no dico, ma avete visto che roba? e questo è niente!! l'avventura del contest indetto da Ale (CuocaATempoPerso) sembra davvero non avere mai fine.
La ricetta con cui ho vinto il contest per i 150 dell'unità d'Italia si è dimostrata essere stata una vera rivelazione! Beata la sera che decisi di mettere una caprese in gelatina dunque !
E che premi! le foto che vedrete sono un'assaggio...in mente ho un'idea particolare..con tutti gli ingredienti speciali che sono arrivati ci sarà da leccarsi i baffi per un po'..ho in mente un progetto ben preciso in merito. Si vedrà, strada facendo..
Intanto vi rendo partecipi del mio stupore per il premio giunto a casa ieri sera.
Polenta taragna lombarda, Gianduiotti piemontesi, Pesto ligure, Pizzoccheri e Malga di Moena trentini, Baicoli e Bigoli veneziani, Sale di Cervia romagnolo, Salsa al cinghiale toscano, Guanciale e Tartufi estivi umbri, il Ciauscolo marchigiano, le Lenticchie di Leonessa laziali, i Pistilli di Zafferano dell'Aquila, il Caciocavallo al tartufo molisano, la Colatura di alici campana, i Taralli pugliesi, i Cruschi della Basilicata, il Cappero di Pantelleria, la crema di Nduja calabrese... insomma mancano solo Friuli e Valle d'Aosta ma...che meraviglia! non pensate anche voi?
Ancora un grazie di cuore ad Ale, un bacio e un abbraccio forte.
Alle prossime ricette....
Baci a tutti!







e per le ricette ..... andate qui.......... mon petit bistrot
Alessandra...........Bon Appetit !!!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig