Orzo...........per aperitivo



Questa ricetta semplice ma gustosissima viene in seguito ad un we in Umbria.
Poco tempo fa sono stata ospite a casa di amici e sapete quei we dove ognuno fà ciò che vuole... beh non ci crederete io non ho cucinato , ho apparecchiato, sparecchiato ,  pulito i piatti insomma  no cucina...ma poi tutte persone carine che non ti fanno sentire affatto pensante che tu non mangi carne, (che hai come qualcuno ti dice " lo sfizio di essere vegetariana" ),  anzi con la scusa che tu non la mangi loro spremono ancora di piu' le meningi e cosi  ho mangiato benissimo tra cui una cosa che ha cucinato Maria .. ma ricordarsi esattamente la ricetta naaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa.
Visto anche il fatto che avevo ricevuto un Kit di prodotti della Ecor, la cosa era perfetta.
I prodotti  Ecor già li conoscevo,  perché li  compro da NaturaSi   quindi ricordate potete  trovare i prodotti Ecor in vendita nei negozi NaturaSì e Cuorebio, oppure online su Emporio Ecologico: ma per qualsiasi prodotto ECOR o per ulteriori approfondimenti potete visitare il sito ufficiale www.ecor.it.
E cosi l'altra sera avevo tutto, i prodotti bio e gli ingredienti.. quelli che io ho scelto e cosi viaaaaaaaaaa

Orzo per Apertivo

150 gr Orzo precotto Bio Ecor
3 peperoni meglio se di colori diversi
3 pomodorini
Un bastoncino di Ginger
3 melanzane piccole  ( niente anima)
10 frigitelli
1 cipolla rossa
2 spicchi di aglio
trito di erbe basilico, rosmarino, coriandolo, mentuccia
1 e 1/2 lime prima grattato poi spremuto.
sale e pepe

Pulite tutte le verdure e tagliatele tutte a listarelle. Mettete tutto in una casseruola con olio, cipolla, aglio senza farli troppo dorare  e subito 3 cup di acqua bella calda di circa 200 ml e lasciate cuocere ma non stracuocere circa 30 minuti dovranno restare croccanti.
In pratica e' come se faceste un minestrone. Fatto cio' scolate tutte le verdure e mettetele in un tegame e mettetele in forno a modalita' grill  e fatele asciugare e grigliare allo stesso modo.
Il mio scopo è quello di lasciare il sapore dell'abbrustolito che a me piace tanto.

Il liquido che vi e' avanzato dalle verdure cotte servira' per cuocere il vostro orzo.
Aggiungeteci solo un'altra cup di acqua : farete un orzo che sara' una via di mezza tra lesso e risottato. Quando e' cotto versatevi dentro le verdure: salate pepate.
Dovra' restare leggermente lento il termine esatto e' cremoso.
A questo punto fatelo riposare perche' dovra' essere servito tiepido, ma prima di farlo riposare metteteci il trito di verdure il lime grattato e poi premuto dentro e un filo di olio extra vergine a crudo.

Servitelo in coppette accompagnato da un buon bicchiere di vino rosso io ho messo la Lacrima di Morro...


Alessandra.............Bon Appétit !!!
SHARE:

Scones Croccanti al Zahtar

Il tutto nasce in maniera semplice anzi piu' che semplice. Ho pubbicato tempo fa un post e nei commenti  e' arrivato anche orodorienthe il quale mi diceva vieni a vedere cosa bolliva in pentola.
E cosi detto fatto... letto regolamento partecipo al contestt da loro indetto e QUI  vedete tutti i contenuti.

Quindi ho aspettato la mia bustina di spezie et voila' in men che non si dica e' arrivata.

Avevo già abbastanza le idee chiare su cosa farci.... ma due giorni fa in un viaggio in macchina  dal nord verso il sud.. sotto l'acqua le idee si sono schiarite meglio e cosi ho deciso di utilizzare lo stampo degli scones comprati a Las Vegas e fare quello che poi vedrete  sotto.
Voi dire e che c'entra comprare a Las Vegas lo stampo??.. Beh. stavo li mi piaceva e l'ho comprato.. classica spesa impulsiva/compulsiva.. e quindi era anche ora di usarlo :0)

 SCONES CROCCANTI AL ZAHTAR

Lievito madre 500gr rinfrescato la mattina
200 gr di farina di Manitoba
100 gr farina 00
50 gr di Farina di Farro
125 gr di acqua
sale
1/2 bustina di Zahtar
sale un pizzico

Ho impastato tutti gli ingredienti, tranne la spezia,  insieme, formando cosi la mia palla di pane. Ho poi diviso la palla in 4 pezzi e messo su ogni pezzo impestando un poco di spezia. Finito di impastare le mie 4 palline le ho rimesse tutte nell'impastartrice ed  ho lavorato l'impasto per 5 minuti.
Pronto l'impasto l'ho fatto lievitare per 2 ore e 30 circa, insomma fino al raddoppio.
Dopo di che ho sporcato le miei mani con dell'olio ho preso il pane lievitato ed ho formato le palline , schiacciatine, gli scones .
Nel caso dei miei scones la cosa e' stata semplice perché ho tagliato la tasta nel verso delle lunghezza a strisce e poi con un tarocco ho dato la forma del triangolo e via dentro lo stampo.
Nello stampo li ho lasciati tutta la notte , ma prima ho bagnato la superficie  con una mistura di acqua e olio per non far seccare troppo la crosta.

La mattina sono stati informati a 180° ventilato per circa 20 minuti. Si cuociono velocemente giusto il tempo di far fare una crosticina dorata per renderli piu appetibili.

Potete usarli come meglio volete, nel cestino del pane....ma  io li ho pensati cosi.


Scones di Zahtar con burro di Zahtar.



Ho ammorbidito del burro salato e ne  ho aggiunto ancora un pizzico di sale e il zahtar  per due ragione: il sale provoca maggiore salivazione in bocca ed esalta meglio il gusto di questa spezia che e' un composto di origano, timo, sesamo, sale3% e sommacco.
Cio' non significa che diventera' immangiabile al contrario sara' una sorta di droga da spalmare.
Una cosa del genere e' perfetta in qualsiasi occasione.Avete presente quando andate in america e Londra e la prima cosa che vi danno e' pane e' burro.. ok il concetto e' quello ma diamogli classe e sapore..

Per i piu' golosi lo scone aperto e farcito diventa' un perfetto stuzzichino....

Scones, burro di Zathar, rucola salmone affumicato due goccie di lime e una punta di burro ancora sopra tutto.....

Se pensate che tutto sto burro è pesante, il salmone e' grasso ed etc, pensatelo e basta non e' cosi...accompagnatelo con un bel bicchiere di vino giovane san giovese, non ve ne pentirete.



Alessandra....................Bon Appétit !!!!
SHARE:

Zucchine sott'olio, Porcini sott'olio , Fagioli corallo sott'olio..

Ehi si tra casini che il pc mi ha  abbandonato e altro,  ho perso giorni per pubblicare sto post... che e' legato al post precenete sull'olio.....ma ahimè la tecnogia mi ha fregato cosi vado al dunque..

I Sott'olio a casa Ruggeri

Partiamo subito dal il procedimento e' uguali per tutte.
Le verdure vanno pulite per bene, taccole, zucchine verdi e gialle , cachi con acqua.
I porcini con pennelletti, coltello per il fondo e straccetto per la cappella... mai bagnarlo !!
Tagliate le verdure della grandezza che preferite: le taccole divise in 2 pezzi, le zucchine alte come un mignolo e lunghe 6/7 cm i porcini a pezzettoni.
Fate scaldare una pentola d'acqua con dentro 1 bicchiere di aceto di vino rosso leggero e un bel pizzico di sale :quando bolle acqua buttate prima le zucchine e cuocetele per circa 7 minuti e fate attenzione a cuocerle al dente.
Scolatele su un canovaccio asciutto.
Ripetete la stessa operazione per i funghi ma in questo caso cuocete per soli 2 minuti di orologio e subito scolatele sul canovaccio asciutto.
Per ultimi le taccole, che avranno maggiore tempo direi di cuocere per circa 10 minuti ma mantenetele sempre al dente.
Scolatele sempre sul canovaccio.
Le verdure si asciugheranno nel giro di 2/3 gg durante i quali cambiate i canovacci e meglio se in un ambiente aerato.

A questo punto di passa al condimento:

Taccole
Condite dentro una ciotola aglio, un pizzico di sale, peperoncino fresco, prezzemolo, menta, mentuccia  , alloro, limone solo lo scorza,alcuni pepi neri in grani.
dopo conditi metteteli nel barattolo e riempitelo con olio extra vergine Ruggeri. Chiudete il giorno dopo e mettete a testa in giù il barattolo bel chiuso per 6 ore.


Zucchine Gialle e Verdi
Condite in una ciotola le zucchine con sale, peperoncino sia secco che fresco, pepe macinato, prezzemolo. sistemateli per bene dentro i barattoli e riempiteli con olio extra vergine Ruggeri.. Chiudete il giorno dopo e mettete a testa in giù il barattolo bel chiuso per 6 ore.



Porcini
Metteteli a strati nel barattolo alternando porcini con semi di pepe nero alloro e peperoncino secco. Riempite il barattolo con olio extra vergine Ruggeri. Chiudete il giorno dopo e mettete a testa in giù il barattolo bel chiuso per 6 ore.


Cachi
Tagliate i cachi , rigorosamente quelli alla vaniglia ma duri , finemente ed essiccateli per circa 2ore e 30' a 130° poi condideteli con  una mistura di olio extra vergine il mio, aceto balsamico , tabasco, peperoncino fresco e un poco di peperoncino secco , aglio tagliato fine, sale  grani di pepe nero.. Spingeleti con forza dentro il barattoli e poi se necessario aggiungere altro olio.


Perfetti in ogni occasione. Alessandra................Bon Appétit !!!
SHARE:

Ruggeri 253


Non sono numeri a caso.. e non sono spartita !!!
Sono stata impegnata con i segnali stradali, su e giu per Italia, malata con prima un raffreddore e dolori terrificanti ed ora bloccata con dolori lombo sacrali..
Si lo so' qualcuno direbbe :" NA VECCHIETTA!!" 
Io rispondo " Peste ti colga !!" Sono una Pischella che fa un sacco di cose palestra se riesco tutti i giorni 1 o 2 ore ( a giorni alterni) in  piu' lavoro, cucina e altro ;0) ma a trovarle altre che fanno le stesse cose mie...!!!
Cmq nel frattempo ho cucinato, invitato gente,  esperimentato, studiato  ma non voglio rompervi troppo quindi vi racchiudo il tutto in una foto che riassume solo alcune chicche.


C'e' un ingrediente comune in tutti questi piatti avete capito quale?? Un ingrediente che e' il punto fodamentale del numero 253 ... Ancora niente ??? Vabbe andiamo avanti.

Risotto funghi porcini un classico di questo periodo fatto con riso acquerello ..Conoscete??
Riso invecchiato in  silos per almeno un anno quando è ancora grezzo e con  l’esclusiva lavorazione che avviene successivamente  il riso Acquerello diventa molto più consistente e capace di assorbire meglio i condimenti, tanto che alla fine della cottura i chicchi hanno un sapore più intenso e risultano più grandi, duri e separati, rispetto a quelli del carnaroli tradizionale.  Da provare assolutamente !!!
Un po' di Hummus con tanto cumino e un po' di piada.. croccante la mia... due pipe con crema di zucchine, mentuccia, due penne tonno e pomodorini secchi.. insomma non mi sono fatta macare nulla.. anche i dolci ma non ho avuto tempo di fotografare...
allora indovinato?? No.. a vabbe' andiamo alla soluzione..........

Nel frattempo abbiamo raccolto le olive.. un giorno e mezzo forzato veloce , 65 piante con una previsione di piantarne altre 10 ....aiuto!!!!
E cosi arriviamo ai famosi 253 vale a dire 2 quintali e  mezzo di olive da raccogliere quando non piove e portare subito al frantoio ed avere subito il mio OLIO..
Ecco la soluzione.
Ma sapete come si fa  l'Olio.. ? No allora ve lo racconto semplicemente.


Le olive raccolte e pulite vengono messe in una buca  e da li vengono letteralmente aspirate dal basso e spedite su per un tubone dove poi vanno a finire dentro la famosa macina dove vengono frantumate.


E con questa bella pappetta che ci si fa...?? si fa cadere dentro un ciotolone che la  lavora ancora con una spirale e poi da li la va dentro un'altro tubo dal quale esce e cade sopra dei dischi


Una volta impilati i dischi uno su l'altro questi verranno messi sotto una pressa per far fuoriuscire tutto il suo liquido.


Ma non e' ancora finita perche' questo liquido e' misto ad acqua anche perche' ricordate che se raccogliete le olive che non hanno sentito freddo saranno piu' cariche di acqua mentre se hanno preso il primo freddo si sono seccate.
Questa e' la regola per la raccolta.
Quindi questo liquido che  comunque ha ancora un'altra percentuale di acqua viene centrifugato e dal contenitore della centrifuga per effetto della pressione esce appunto l' OLIO .


Raccontato velocemente ma si fa cosi.. e quando lo vedi uscire eh si sembra che nasca tua figlio.  In fondo raccogliere costa  fatica ma che poi viene ben ripagata.
E come tutti gli anni la prima cosa che si fa'  con l'Olio Nuovo e' un classico capolavoro della Cucina Italiana : una semplice e stupenda Bruschetta all'Olio .

Quest'anno  papa' ha deciso anche di fare con le olive piu' belle e piu' grandi ma solo una piccola parte di

Olive in Salamoia con soda
di Padre e figlia

Olive  tipo Ascolana
Acqua
Soda Caustica
Sale

Perche' di padre e figlia?? Perche'  lui ha detto :" faccio le olive ", ed io ho detto :" si ma facciamole cosi.". E lui : " NO le faccio da sempre fidati " e cosi  lui ha detto uan cosa io un'altra alla fine si e' fatto il compromesso : la prima parte e' fatta come diceva lui ,  la seconda come dicevo io.

Prendete le olive pulitele e mettetele in acqua con la soda facendo al proporzione 1 kg  di olive, 1 litro di acqua 20 gr di soda circa. Papa' ne ha messi 2 cucchiaini
Scegliete le olive piu' grandi sia verdi che no, e possibilmente quelle non ammaccate etc...
Lasciatele in un barattolo  chiuso con dentro la soluzione di acqua e soda  per  36 ore e durante queste ore di tanto in tanto muovete con le mani , rigorosamente con dei guanti, insomma massaggiate le olive in maniera tale che uscira' l'amaro che si manifestera' sotto forma di acqua scura.
Passato questo tempo sciacquatele per bene sotto acqua corrente, lasciatetele ancora per altri 10 gg in acqua dentro una ciotola sempre coperta avendo la cura di cambiare l'acqua due volte al giorno.
Finito questo tempo sono pronte e quindi potete metterle definitamente nel vostro barattolo con acqua e sale.
Quanto sale?? beh devono essere saporite e quindi assaggiate acqua e sale e stop.
Perfette per il vostro Aperitivo..



Alessandra..............Bon Appétit !!!
SHARE:

Basta alla Mortalita' infantile . Campagna Every One

Campagna Every One - Save the children

“Se all'improvviso sparissero gli oggetti della tua vita quotidiana, cosa accadrebbe? Scoprilo sfogliando tutte le cartoline e condividile con i tuoi amici per sostenere Every One, la campagna per dire basta alla mortalità infantile. Anche tu puoi contribuire alla fotogallery! Fotografa un oggetto per te importante a cui potresti rinunciare per una buona azione, pubblica l’immagine sulla pagina Facebook di Save the Children Italia: http://www.facebook.com/savethechildrenitalia oppure su Twitter utilizzando #SeSparissero .”




Oggi poche chiacchiere... condividete.

Grazie Alessandra
SHARE:

Il tempo della Zucca ...Amuse Bouche Vellutata di Zucca, Paprika Verde Dolce e Pistilli di Peperoncino



E' tempo di zucca.
L'altro giorno mio padre viene da me e prima al telefono mi dice.." Mi hanno regalato una zucca te al porto " .. ma non immaginavo arrivasse con una zucca enorme di circa 7 chili..
Mamma mia avoglia a smaltirla, ma pian pianino un bel po' di roba ci esce fuori...
Per prima cosa gli ho fatto fare un giro nel soggiorno e lo messa la centro del tavolo . Bellissima mi dispiaceva romperla.

tratto da Wikipedia "Con il termine zucca vengono identificati i frutti di diverse piante appartenenti alla famiglia delle Cucurbitaceae, in particolare alcune specie del genere Cucurbita (Cucurbita maxima, Cucurbita pepo e Cucurbita moschata) ma anche specie appartenenti ad altri generi come ad esempio la Lagenaria vulgaris o zucca ornamentale. La zucca è comunemente usata nella cucina di diverse culture: oltre alla polpa di zucca, se ne mangiano anche i semi, opportunamente salati. La zucca è un ortaggio che si presta a mille ricette: si consuma cucinata al forno, al vapore, nel risotto o nelle minestre, fritta nella pastella. Dai semi si ottiene un olio rossiccio usato in cosmesi e cucina tradizionale. Nei paesi anglosassoni la zucca è utilizzata per la costruzione della Jack-o'-lantern, caratteristica lanterna rudimentale utilizzata durante la festa di Halloween per scacciare streghe e fantasmi. Le specie più usate in cucina in Italia sono, per esempio, Cucurbita maxima, come la Zucca Marina di Chioggia, e Cucurbita moschata, come la Zucca di Napoli. " Ecco la mia e' la classica zucca usata per Halloween e  come prima cosa direi un bel classico che non passa mai di moda anzi.....

Amuse Bouche Vellutata di Zucca, Paprika Verde Dolce e Pistilli di Peperoncino

700 gr di zucca pulita
1 cucchiaio di olio extra vergine
50 gr di burro di capra
1 cipolla dorata
Pistilli di peperoncino
1 cucchiaino di papikra verde dolce
Gorgonzola

La ricetta e' semplicissima perche' dopo aver pulito la zucca e averla tagliata a pezzi e' stato messa nella pentola  dove precedentemente ho fatto andare per 2 minuti l'olio il burro e la cipolla.
Ho poi aggiunto la paprika e fatto cuocere lentamente per circa 50 minuti.
Frullato con il pimer e poi passata al chinois.
Perfetta...
Metti il tutto in piccole ciotoline .. aggiungi la punta di mezzo cucchiaino di gorgonzola fuso al microonde e sopra i pistilli di peperoncino.. ( liberamente comprati durante il taste of Roma)
Et voila le jeux sont fait.!!!!


Alessandra............Bon Appètit !!!!
SHARE:

Conserve di Verdure Estive : Pomodoro Ciliegino Secco


Qui ci dobbiamo dare da fare !!!
Eh si mica potete pensare di cavarvela andato in ferie e smettere di fare cosette in cucina.!!!
No non si puo'.!!!
Anche perché poi vi pentireste di farvi mancare degli ingredienti che potrebbero rivelarsi fondamentali e allora che fare..?? Nulla si devo fare le conserve..
Quindi iniziate a pensare a cosa fare, selezionare vasetti, compratene di  nuovi  se necessari e via in cucina.
E cosi di fronte a tutte queste cose inizio a postare quello che pian pianino ho iniziato a fare quest'estate.
Devo dire che ho la fortuna di avere una famiglia che fa' un sacco di conserve di verdure e marmellate, molto buone e che per fortuna poi  ci scambiamo.
Oggi vi propongo questi semplici ma deliziosi pomodori secchi sott'olio da fare subito.. e consumare quando volete voi.
Per agevolarvi,  e mi rendo conto che la cosa e' praticamente necessaria da farsi, potete comprare i pomodori secchi che poi lavorerete voi.
Certo che se avete avuto tempo di seccare i pomodori risulta' anche meglio,... Ma io non so dove seccarli in città !!!!!!
E cosi durante la mia prima visita a EATALY ho acquistato questi dolcissimi pomodorini ciliegino secchi.. della marca.. vabbe' quella la ometto.. pero veramente deliziosi e cosi.....

Pomodoro Ciliegino Secco sott'olio

Pomodorini Ciliegino secco " Campisi"
Olio Evo
Aglio tagliato e pezzettini piccolissimi
Finocchietto selvatico
Menta
Origano
Capperi 
Premuta di un pezzetto di ginger
Pepe Nero macinato fresco

Lasciate in ammollo in acqua bella calda i pomodori per circa 5 minuti. Poi sciacquateli con acqua corrente sempre calda facendo in maniera di ammorbidirli ma senza farli diventare troppo molli. Strizzateli leggermente e poi stendeteli su un panno di cotone e tamponateli piano piano in maniera da  togliere tutta l'acqua.
Dentro una bella ciotola  preparate il condimento secco e fresco elle erbe, buttateci dentro i pomodorini  e sopra un poco di olio e mescolate per bene.
C'e chi lo fa con le mani.. IO pure ed in fondo un po' di olio sulle mani fa sempre bene.
Assaggiate.. Vi piace??? Perfetto.
Metteteli nei vasetti e poi versateci sopra l'olio sino al bordo. Lasciateli riposare per circa 2 ore e di tanto in tanto con una forchetta spingete sui pomodori in maniera  da togliere eventuale aria.
Tappate per bene  e via sono pronti.





Perfetti come antipasto, per bruschette, per basi di pesti.. etc etc date sfogo alla fantasia.

Alessandra.........Bon Appétit !!!
SHARE:

After Taste....Spaghetti con alici , sua colatura e....


"After Taste" mai fu appropriato di piu' questo titolo.
Dopo i miei piccoli bagordi al Taste of Roma, sono rientrata in casa con un piccolo omaggio fatto da Kopper Cress . Di cosa sto parlando dei Micro vegetables ed in particolare Majii Leaves.
Assomigliano tantissimo alla famosa "rosa del deserto" che quasi tutti hanno sul loro balcone.
Ecco cio' non significa che adesso andate fuori al balcone e gli fate lo scalpo, perche' viene coltivata in maniera completamente diversa ed e' anche inutile dire che vi mangereste  tutte quelle piccole schifezzuole che gli diamo per renderele piu' forti, grandi etc.
Quindi proprio i curiosità da questo, me ne hanno regalato una scatola ho chiesto le proprieta' e semplicemente mi e' stato detto che e' una spugna.
Si esatto una spugna. Letteralmente mi e' stato detto " se tu prendi una siringa piena di caffe' per esempio  e la inietti dentro i petali questi sapranno di caffe'!!"
Io sono rimasta senza parole ed incuriosita' e cosi continuando a fare due chiacchiere mi e' stato detto che a Napoli un noto ristorante le tratta facendole impregnare di un'infusione di limone ed altro e cosi l'altro giorno mi e' venuto di partire dall'infusione per arrivare a questo piatto:

Spaghetti con alici sua colatura e Majii Leaves al profumo di Pepe verde Vanigliato

100 gr di Chitarra a matassa Cocco
100 gr di alici pulite
2 cucchiai di colatura di alici di Cetara
Limone
Erba cipollina
Pepe Verde Vanigliato del Borneo
Peperoncino fresco
Olio evo
Aglio

Metti in padella circa 2 cucchiai di olio extra vergine, pezzettini di peperoncino ed aglio e fai andare per 1-2 minuti aggiungi le alici e lascia cuocere per 2 minuti. Le alici non dovranno cuocere del tutto perche' dopo dovremo ripassarci la pasta.
Togli dal fuoco e aggiungi i 2 cucchiai di colatura di alci e una sprumuta di 1/4 di limone. Aggiungi le foglie Majii , che precedentemente hai intaccato,  e lasciale in infusione per  i minuti necessari per la cottura della pasta.
Cuoci la pasta bella al dente scolata non benissimo, (tradotto mette un poco di acqua di cottura ).
mettila nella padella con il suo sugo di alici, rimettila sul fuoco e manteca per 1 minuto. Spegni il fuoco aggiungi erba cipollina tritata e pepe vanigliato.

Mettila nel piatto come meglio preferisci. Io l'ho impiattata colsi .. Carina vero'.



Gusto molto particolare soprattutto le famose foglie di Majii Leaves che in effetti sapeva di colatura di alci e di limone.

Alessandra..................Bon Appétit !!!
SHARE:

Taste Of Roma 2012 Giornata di chiusura

Eh si proprio cosi. Ieri sera gli altoparlanti dell'Auditorium annunciavano " La manifestazione Taste of Roma chiudera' alle ore 22.30 ". Dopo 4 giorni in cui si sono alternati chef stellati e nuove promesse della cucina italiana sui palchi per show cooking ed hanno mostrato le loro qualita' appunto da chef, in cui tanta gente ha partecipato, giorni in cui anche gli organizzatori come Magenta hanno detto "manifestazione perfetta.. sara' il clima di Roma, la location..evento bellissimo.." io non posso fare altro che mettere le ultime foto senza commento. Sono una mia piccola selezione di quello che sinceramente ho gradito piu' di tutto.

Cristina Bowerman
  Ristorante " Glass"










Salvatore Tassa 
Ristorante  " Le Colline Ciociare "





Giulio Terrinoni "Acquolina"





Angelo Troiani
Ristorante " Il Convivio"



Roy Caceres
Ristorante "Metamorfosi"




Alessandra....... Bon Appétit !!!
SHARE:

Taste Of Roma Inaugurazione 20 Settembre 2012

 Si e' aperta ieri in una splendida cornice di Roma quale l'Auditorium di Roma, la prima manifestazione dedicata interamente al gusto "Taste of Roma". Sembra un avvio molto soft vista la giornata lavorativa e l'orario ed invece ha poi fatto uscire il meglio di se. Giacche bianche che si muovevano a destra e sinistra, chef stellati in piedi all'ingresso del loro stand pronti a stringere mani, e parlare con chiunque avesse voglia di chiacchierare con loro. Per niente impacciati ma anzi compiaciuti del fatto di essere i primi a dare il via a qualcosa destinato sicuramente a crescere meglio. Vari chef si sono alternati ieri alla scuola dell' Electtrolux, da Knam a Caputo alla Bowerman e tanti altri se ne alterneranno in queste giornate. La cartolina del "Pagliaccio" , una chicca fatta dall'illustatore Gianluca Biscalchin che meglio non puo' che rapprensentare lo chef Anthony Genovese che ieri in una chiacchiera informale a parlato di se con il suo accento francese (ma ricordate che e' un italiano ed esattamente di origine Calabrese) nello stand della San Pellegrino con Acqua Panna.

Negli stand potete trovare di tutto .... cibo e vino non mancano.. MA non mancano anche alcune chicce tipo..... i micro vegetables di Koppert Cress






Che poi finiscono in piatti come  Il Panino di lievito madre alla liquirizia con scaloppa di fegato grasso chips varie con maionese al passito e kectchup al mango della Bowerman.. semplicemente strepitoso




Le famose spezie appunto dell'Emporio delle Spezie a Testaccio.. consiglio una visita



le carinissime tovagliette di Tablecloths

e tanto tanto altro....

Cartolina, comunicati stampa biglietti ingresso gentilmente offerti da Magenta in collaborazione con Acqua Panna e San Pellegrino

Alessandra..............Bon Appétit !!!
SHARE:

Taste of Roma 20 - 23 Settembre 2012

Buongiorno a tutti... come va'?? Siete svegli ?? Pronto Pronto c'e' nessuno..?
Ok.. Volevo segnalarvi ma già lo sapete Taste Of Roma che ci sara' prossimamente dal 20 al 23 Settembre.
Visto che ho dei giorni di ferie credo proprio che me li prendero e faro' presenza.. ma se non sapete nulla sull'evento intanto vi lascio questo poi prossimamente mettero' qualche scheda degli chef.







Intanto qualche info da Acqua PAnna e S. Pellegrino.

Acqua Panna e S.Pellegrino inaugurano la partnership con Taste of Roma ( 20 – 23 settembre 2012 ) un nuovo tassello della fortunata serie “Taste of …” un vero network internazionale di festival gastronomici apprezzati in 13 diverse capitali: da Londra a Cape Town, da Amsterdam a Sidney.
Nel corso delle prime tre edizioni milanesi l’iniziativa ha saputo catalizzare l’attenzione di migliaia di visitatori entusiasti della formula “chef en plein air”.

Ambasciatrici dello stile italiano nel mondo e protagoniste sulle migliori tavole internazionali, Acqua Panna e S.Pellegrino sapranno certamente valorizzare le proposte degli chef attesi a Taste of Roma grazie alla loro perfetta complementarietà: S.Pellegrino, briosa e frizzante, è perfetta in abbinamento a piatti o vini particolarmente strutturati e complessi; Acqua Panna, dal gusto morbido e vellutato è ideale per accompagnare piatti leggeri dalle caratteristiche gusto-olfattive delicate o vini giovani e fruttati.

Come a Milano, anche a Roma lo spazio Acqua Panna e S.Pellegrino sarà il punto di riferimento per tutti coloro che vorranno dedicarsi una pausa di rinfrescante relax ma non solo.
I visitatori di Taste of Roma potranno infatti partecipare al programma di incontri con gli chef, coordinati dal giornalista e illustratore Gianluca Biscalchin.
Un’occasione in più per avvicinare e conoscere i principali protagonisti della kermesse gastronomica.

Il programma degli incontri dal titolo “20 minuti in compagnia di …“ è aperto a tutti:
giovedì 20 settembre ore 21:00 Anthony Genovese Il Pagliaccio
venerdì 21 settembre ore 14:00 Kotaro Noda Magnolia - Jumeirah Grand Hotel
venerdì 21 settembre ore 21:00 Francesco Apreda Imàgo - Hotel Hassler
sabato 22 settembre ore 14:30 Agata Parisella e Romeo Caraccio Agata e Romeo
sabato 22 settembre ore 21:00 Luciano Monosilio e Alessandro Pipero Pipero al Rex
domenica 23 settembre ore 14:30 Roy Caceres Metamorfosi
domenica 23 settembre ore 21:00 Andrea Fusco Giuda Ballerino

A fare da sfondo alle interviste sarà un maestoso albero stilizzato e riprodotto su un grande wall che rappresenterà una sorta di meeting point per tutti coloro che, possedendo un blog o comunicando abitualmente attraverso facebook e twitter, saranno i benvenuti e potranno commentare e condividere i momenti più golosi di Taste of Roma all’interno di uno spazio confortevole ed elegante.

Non resta che attendere l’avvio del festival e raggiungere il grande albero per entrare nella rete del gusto con Acqua Panna e S.Pellegrino.

IO ci vado e voi??? Chi Viene??

Alessandra................ Bon Appétit !!

SHARE:

Ricette d'autore di Heinz Beck .. modificata un Crostone di spigola con insalata di melone e sedano

Un titolo lunghissimo ma... ma dove eravamo rimasti ?? Ahhh si ....Ciao a tutti sono tornata.. o sarebbe meglio dire ritornata dalle ferie da circa 2 settimane ma subito sono stata inghiottita dal lavoro eppure era ancora agosto!!! Sono rientrata credendo di postare questa ricetta con calma e invece eccoti qui che il calendario corre veloce e già ci siamo ritrovati a settembre.. Comunque bando le ciance stavo dicendo che il titolo e' lungo e speriamo che " LUI " non mi si arrabbi dall'alto di Monte Mario e tiri giù una schicchera , ma mi sono presa l'onore di modificare una sua ricetta.
Sorrido su cio', nel senso che la modifica e' stata piu' pratica che altro , anche perchè alcune cose proprio non avevo voglia di farle e poi il discorso come lo aveva fatto lui proprio non mi andava e cosi mi sono detta: e vabbe la base , l'idea , i sapori e tutto il resto sono di Beck ci mancherebbe altro , ma io per praticità' lo faccio cosi'!!"
Beh ci crederete o no un successo che ha avuto già due repliche e sicuro non ne mancheranno altre anche perché' e' abbastanza veloce da fare ma soprattutto e' buonissimo e di classe.
IO personalmente l'ho volutamente rendere un piu' semplice al punto di diventare quasi troppo semplice , ma il bello della cucina e' proprio quello di ricreare e quindi do' il la' anche a voi...

Crostone di Spigola con insalata di melone e sedano

600 gr di Spigola
1 limone
erba cipollina
100 ml di panna
olio Evo
Pane Lariano 2 fettine
Coste di Sedano
Aglio
Melone
Fondo di pesce circa 50 ml

Pulite la spigola o per praticita' fatevela pulire dal vostro pescivendolo di fiducia. Ecco l'elemento spigola e la sua freschezza e possibilmente anche la zona di pesca e' sicuramente determinate sulla riuscita del piatto..
Quindi pulita la spigola, ridurre a tartare meta della carne della spigola condire con limone, erba cipollina e sale, frullare nel mixer con la panna.
Con il resto della carne, tagliatela sempre a tartare e condite con sale e buccia di limone grattugiata.

Tagliate a metà le fettine di pane Lariano, mettetele in una padella con un filo di olio e spicchi di aglio per dare loro sapore. Quando sarà' pronto un lato prendete quello bruscato ed insaporito con aglio e sopra spalmateci la farcia con la panna sopra la tartare e rimette in padella sul lato ancora da bruscare. Lasciate andare per 1-2 minuti e sarà' pronto. Chiudete il fuoco e lasciateli nella padella.

Tagliate a julienne il melone e il sedano metteli in padella con il brodo di pesce e cuotete per 2 minuti.

A questo punto assemblate il piatto mette il crostone nel piatto con accanto le verdure. Spolverata di pepe.

crostone di spigola con insalata sedano e melone


E questa invece e' la seconda versione.
In questa versione ho unito insieme la farcia con il resto della spigola e poi ho proceduto come scritto sopra.




Non so dirvi quale sia la migliore posso solo consigliarvi di farlo ne vale la pena e non ve ne pentirete..

Alessandra..........Bon Appétit !!
SHARE:

Ricetta Water Melon Drink per Ferragosto

Water Melon Drink o anche Il frullacocommero !!

Beh ci siamo arrivati oggi 15 Agosto o come tutti dicono Ferragosto. In Italia, il giorno di Ferragosto è tradizionalmente dedicata alle gite fuori porta e spesso caratterizzata da lauti pranzi al sacco, grigliate e, data la calura stagionale, da rinfrescanti bagni in acque marine, fluviali o lacustri. Molto diffuso anche l'esodo verso le località montane o collinari, in cerca di refrigerio. Per chi inmvece resta a casa perche' magari ha un bel giardino e riceve ospiti gli suggerisco appunto questo drink per festeggaire questa giornata.
Si lo so ci saranno almeno 3000 ricette ma questa è la mia.



Water Melon Drink

Prendi il cocommero e frullalo poi filtra con il cinese .
Per due bicchieri calcolate circa 350ml di frullato di cocommero al quale andrai ad aggiungere circa 150 ml di ScheppesLemon e altrettanti di vodka.
Mischia il tutto e metti in freezer per 20 minuti .


Servi in calici di vino precedentemente messi in freezer, qualche cubetto di ghiaccio e una fettina di lime....


water melon drink o anguria drink dissetatante e fresco

Il grado di alcolicità dipende da voi .. Buon Ferragosto.............Alessandra !
SHARE:

Ricetta Mini Tatin di Pesche Tabacchiere

Oggi vi propongo qualcosa di veramente semplice ma delizioso.... non ci saranno molto commenti e quindi in maniera veloce passiamo alla ricetta et Voila' anche alla prima foto

croccanti minitatin di pesche tabacchiere Adoro questo dolce.. erano giorni che ci pensavo, ma senza sforzarmi troppo vorrei dire, e la foto che vedete sopra e' la seconda edizione.
Lo avevo fatto la prima volta e la cosa e' riuscita benissimo al punto che appunto ha avuto una replica ma anche perche' come mi capita in questo periodo, non tutto quello che cucino riesco a fotograrlo.
Esempio classico 2 settimane fa ho fatto una Festa Espagnola e tra preparativi, accogli ospiti , e tanto altro non ho fotogratao nulla ed e' una gran peccato perche' avevo fatto delle cose carine da condividere...ma questa e' un altra storia, torniamo alla ricetta,

Mini Tatin di Pesche Tabacchiere

Pesche Tabacchiere
pasta briseé
zucchero
Burro salato
Zucchero a velo
Aleatico Passito

Le pesche tabacchiere sono quelle belle schiacciate e piccole con una bella polpa soda e forse proprio da questo mi e' venuto in mente la versione mini tatint.
Ho preso gli stampi in alluminio per fare le delizie al limoncello che mi furono regalate 3 anni fa da Mariella di Mariellacooking.blogspot.com, mai fu piu' gradito detto regalo..
Quindi prendete questi stampini imburrateli e cospargeteli con lo zucchero e poi mettetevi dentro la vostra pesca denocciolata e sbucciata.
Per denocciolarla ,visto che hanno proprio il noccio al centro della pesca ed e' piccolo, ho usato lo strumentino del levato torsolo della mela.. si fa in un lampo !!!
Ho messo poi le varie tatin dentro una padella in maniera da far caramellare il burro con lo zucchero..per 5 minuti.. Difficile forse, e' un passaggio che si puo' saltare ma questa fara' parte di una terza prova.
Togliete le tatin dal fuoco rivestitele di pasta Briseé ( qui fate anche come volete va benissimo anche la frolla se lo preferite) e poi infornate a 200° fino a cottura circa 15'.
Sformate e Impiattate... Potete servirla semplice cosi oppure cosi 


croccanti minitatin di pesche tabacchiere
Nel centro della tatin potete mettere una gelatina di Aliatico passito ( come nella prima versione ) o semplicemente lo stesso liquore come da foto.

Ci sta benissimo e quindi ........Bon Appétit !!!
SHARE:

Cambio faccia.... ergo look. Faccia da Gallinella !

Sono sta impegnata incasinata etc , etc... Inutile star qui a piangere sul latte versato. Ho avuto momenti migliori e tempi più' tranquilli, ma sarà' la crisi o altro e' andata cosi e non so se ve ne siete accorti ma per più' di un mese proprio non avevo ne la testa, ne i sentimenti per aggiornare il blog. Proprio non ci riuscivo avevo un blocco, ma non e' che non ho cucinato anzi ho fatto delle belle cosine che ho fotografato e che ora piano piano vorrei condividere con voi.
Ma prima di tutto cominciamo con il dire che bisognava darci un taglio e cosi mi sono concessa un po' di tempo per me per riflettere e mettere in carica le batterie , ma poi conoscendomi nel vero senso della parola mi sono scontrata con la realtà e le forbici e cosi come in cucina dove da cosa nasce cosa e' uscito fuori questo nuovo taglio. Caspiterina corto. Pensare che mi andavano oltre le spalle.. ma si basta con sta roba attaccata in testa e poi fa caldo.. cosi si sta più' freschi..
Ma attenzione ricordate che sono riccia quindi questa foto e' solo indicativa.. quindi corti e ricci

e poi scherzando e ridendo non so se e' stato il periodo di lontananza dal blog o svuotare la mente ma scherzando e ridendo ho ricominciato solo a reintegrare nella mia dieta vegetariana solo il pesce.
Dico solo perche la carne proprio per ora nulla no.. no..no.. e cosi tra la faccia mia e lo scontro con una Gallinella e' uscita questa bella....
Zuppetta di Pesce alla Ale

Questa faccia la conosco mi son detta e cosi zuppetta in bianco per due persone
2 gallinelle di mare
3 calamari non grandi
Vongole circa 300 gr
1 filetto di branzino
10 Alici
6 scampi
1 carota
Brodo di pesce circa 600 ml
1 cipolla rossa di Tropea
Zenzero
Peperoncino
4 foglie di alloro
timo
aglio
Olio
pepe
Lime
Vino Bianco
sale

La cosa importante della zuppa e' la tempistica e quindi l’ordine in cui aggiungiamo i vari tipi di pesce: prima tocca ai polpi, alle seppie e ai moscardini, poi solitamente vanno aggiunti i tranci e i filetti di pesce e per ultimi gamberi, vongole e cozze. Sembra semplice ma non lo e' e quindi premesso ciò', vediamo come procedere.
Mettere in recipiente tipo Wok olio, la cipolla tagliata finemente, la carota fatta a julienne insieme allo zenzero a julienne.
Io ne ho messo la dimensione di un dito indice... ( ho fatto la premessa che e' la zuppetta di Ale!)
Ho lasciato cuocere per circa 5 minuti poi ho aggiunto 4 foglie di alloro,peperoncino ( a piacimento) un pizzico di timo. Io ho usato quello secco ed e' andato benissimo.
Per ultimo 1 spicchio di aglio.
A questo punto aggiungete i totani tagliati a rondelle e lasciate cuocere a fuoco moderato in maniera da dorare i totani. Bagnate con 1/2 bicchiere di vino bianco e fate cuocere per altri 5 minuti a questo punto aggiungete brodo di pesce bianco.
Ecco io lo avevo già pronto e congelato cosi il passo e' stato breve. Anzi se posso dare un suggerimento fatevene sempre in più' cosi congelate e lo avete pronto.
Aggiunto il brodo fate cuocere per 5 minuti e quando a bollore aggiungere le gallinelle intere ma pulite delle interiora.
Cuocete per circa 7 minuti e poi aggiungete il brodo delle vongole che nel frattempo avete fatto aprire e filtrato con una garza e il filetto di branzino a fate cuocere per altri 3 minuti.
A questo punto dovreste aggiungete tutto il resto dei pesci le alici deliscate, gli scampi e le vongole.
Date una bella girata alla zuppetta e spegnete il fuoco.
Le alici e gli scampi si cuociono in 3 nano secondi, quindi lasciate raffredarla un po' e servirla tiepida e se volete accompagnatela con dei crostini di pane all'aglio.
Se posso dare un consiglio la zuppetta si fa in 40 mminuti quindi fatela espressa in maniera tale che gli scampi non diventino gommosi se riscaldata.
Appena prima di servire una bella grattugiata di buccia di lime e io l'ho accompagnata con questo vino Rosso..... del 1999 ... Crianza 1999.


ma questa e un'altra storia. Godetevi la zuppetta e ....

Bon Appétit Alessandra !!!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig