La Merenda dei ragazzi con... Besciamella Chef


Ci eravamo lasciati con una bella Zuppa di Baccala' e patate con un cremosita' estrema data non solo dalla patata ma anche dalla Panna Leggera Chef, una perfetta ricetta adatta a questa giornata  umida e piovosa.

Vi avevo detto che nel Kit della Chef c'erano anche altri prodotti e cosi senza troppo leggere o scrivere ho provato a buttare giù nel cervello due ricette per ringraziali dello cortese omaggio.
E proprio l'altro giorno mi e' capito una visita inattesa di amici che proprio ragazzi non si possono piu' definire, ma con un appetito che invece ricorda quello dei ragazzi.
E cosi  l'idea di un aperitivo rinforzato e' sfociato in una cosetta veramente semplice e deliziosa che e' stata spazzolata in un batti baleno .

Meno male che parto sempre dal presupposto che a casa mia ci sono viveri da fare invidia agli "Apocalittici " nessuno vede mai la serie..??!
Avevo necessita' di fare qualcosa che si cuocesse velocemente e che risultasse appetitoso cosi mi giro e vedo la besciamella e dico " Perfetta !! .. ma cosa posso fare di pronto in 20 minuti..??"
Faccio  mente locale non ho molto esitato e via ho tirato fuori dalla mia dispensa pomodorini confit, zucchine sotto olio fatte a settembre  e  tanta velocita'

Calzoncini di Sfoglia

2 Pasta Sfoglia
Pomodorini Confit  qb
Melanzane qb
Besciamella Chef
olio Evo

La semplicita' e' soprattutto nell'avere gia' tutti i prodotti pronti.
La besciamella in questo particolare momeneto ha veramnte risolto il mio problema visto che non avevo mozzarella in casa...
Prima di tutto ho svuotato il forno e poi acceso a 200°. Nel frattempo ho srotolato la pasta sfoglia , tagliata con un coppa pasta grande di 12 cm di diametro . Io ho usato la forma per fare il raviolo gigante.
Ho posizionato al centro del mezzo raviolone   1 pomodorino confit  e circa 2 cucchiaini di besciamella un goccio di olio e poi ho richiuso formando il calzoncino.  Ho spennellato appena con dell'olio evo la superficie del calzone per renderlo lucido e subito in forno il tempo di far cuocere la pasta sfoglia.



In altri ho messo il pomodorino confit , la besciamenlla e le zucchine sott'olio  e via sempre chiuso, sempre spennellato e sempre in forno.



Che dire perfetti ma che se non ho avuto molto tempo  di fotografare i calzoni perche sono spariti velocemente, ve li consiglio per una visita inattesa o per la merenda dei ragazzi..


Alessandra............Bon Appétit !!!!
SHARE:

Zuppa di Patate, porri e baccala' per la Chef - Parmalat

Eccoci qui ritornati sul pianeta Terra subito dopo il viaggio in India.
Appena rientrata ho trovato in portineria un pacco che speravo mi arrivasse a Dicembre ed invece no mi e' arrivato a Gennaio il Kit CHEF  di Parmalat.
Eh si poco tempo prima sono stata contattata dalla CHEF - Parmalat per sapere se fossi interessata a provare i loro prodotti : ho accettato volentieri e cosi dopo profumi d'oriente mi sono rimessa in cucina con sapore molto piu' nostrani  e con un pizzico di golosità.
IO ho pensato a questa prima ricetta ed incrocio le dita.

Zuppa di Patate, porri e ..... Chef




1/2 Porro
2 patate di  grandi
250 gr di  baccala'
1/2 cucchiaino di Zenzero secco
Birra 1 bicchiere
Prezzemolo
Limone
Chef Leggera  80 ml
Acqua calda
olio qb
sale e pepe qb


Ho mondato il porro finemente e l'ho messo in padella a stufare lentamente con dell'olio: quando comincia ad appassire ho aggiunto la birra ed ho continuano a stufare alzando la fiamma leggermente.
Ho fatto cuocere per altri 5 minuti ed ho poi aggiunto , lo zenzero e  le patate tagliate a daddolata.
Ho fatto cuocere per altri 3 minuti e poi ho aggiunto acqua calda circa 800 ml , dipende anche dalle vostre patate le mie erano vecchie quindi non acquose..
Ho poi salato ed aggiunto il baccalà (senza pelle) tagliato a pezzi:  fate cuocere e non preoccupatevi se si sfalda il baccalà anzi meglio.

Mentre la zuppa cuoce ho  tritato abbastanza finemente il prezzemolo.
Quando la zuppa e' pronta ho spremuto dentro il succo di mezzo limone e cotto solo per 1 minuto, e poi aggiunto subito 100 ml di Panna Chef Leggera che dara' ancora più cremosita' alla zuppa.
Spento il fuoco ho aggiunto il prezzemolo assaggiato e corretto di sale, versato nel piatto a decoro alcune gocce di olio extra vergine e pepe.



Perfetta per questo periodo invernale freddo, gustosa perche' cremosa grazie anche alla Panna Chef Leggera quindi non eccessivamente carica di grassi, possiamo inserirla nelle ricette light.


Alessandra.............Bon Appétit !!!


SHARE:

Jalebi Dorate e .... foto !

Gli Indiani amano i loro dolci molto dolci, e questo jalebi non è diverso.
Un burro cremoso dalle forme a spirale o anelli  che viene tuffato in un olio caldo facendolo diventare croccante e di colore dorato. Mentre è ancora caldo, gli anelli o spirali sono immersi in sciroppo.

JALEBI
dai 4-6 pezzi

Pastella
225 gr di farina
2 cucchiaini di yogurt
1 Bustina di Zafferano

Sciroppo300 ml di acqua
225 gr di zucchero bianco
Mezzo cucchiaino di acqua di rose

Decorazione
2 cucchiai di pistacchi tritati,

Unire la farina e lo yogurt con un po 'd'acqua calda per fare una pastella piuttosto densa.
Sciogliete precedentemente nell'acqua lo zafferano. Impastate bene e lasciate la patella in  un luogo caldo per 12-24 ore per permettere allo yogurt di fermentare.

Per fare lo sciroppo, portare l'acqua  a bollore quindi aggiungere lo zucchero. Fate bollire fino ad ottenere uno sciroppo che cola, mescolando spesso. Togliere dal fuoco. Aggiungere l'acqua di rose e lasciare raffreddare.

Mescolare la pastella bene. Aggiungere un po 'd'acqua se necessario, ma tenerlo sempre piuttosto denso. Scaldate l'olio 190 °.
Riempire un sac a poche con la pastella. Facendo attenzione, tagliare un angolo del sacchetto per fare un piccolo foro non superiore a 3 mm di diametro.

Le jalebi devono essere fatte delle dimensioni di una pallina da golf facendo da prima 2 cerchi uno sopra l'altro e poi delle piccole spirali o cerchietti sopra il cerchio piu grande: dovrete essere bravi a mantenere la patella con un bel flusso mentre fate scendere la pastella nell'olio caldo.



Per girare le jalebi utilizzare le pinze. Quando saranno ben dorate in tutto questo richiede circa 2 minuti - li togliere dalla padella, scolare l'eccesso di olio su carta assorbente.
Posizionare le jalebi cotte nello sciroppo e servire caldo, oppure lasciate raffreddare per un'ora o giù di lì per  nello sciroppo e poi servirle fredde. Decorare con pistacchi tritati.




Jalebi



Indian Love their sweet really sweet, and this jalebi is no different.A creamy butter is squeezed into a depy-fring oil to procude crisp golden rings or spirals. While still warm, the rings or spirals are immersed in this shypur, wich they absorb.



Make 4-6
225 gr plain flour
2 teaspoons plain yogurt
300 ml water
225 gr white sugar
1/2 teaspoon rosewater
2 tablespoons pistachio nuts, chopped
 saffron

Combine the flour and yogurt with a little warm water to make a thickish batter.
Add the saffron and stand the batter in a warm place for 12-24 hours to allow the yogurt to ferment.
To make the syrup, bring the measured water to boil in a saucepan then add the sugar. Simmer until you get a runny syrup , stirring often. Remove from the heat. Add the rosewater and leave the syrup to cool.
Stir the batter well. Add a little water if necessary but keep it quite thick. Heat the oil a deep-frying pan to 190°.



Fill a clean plastic bag with the batter. Very carrefully, cut off one corner of the bag to make a tiny hole no more than 3 mm in diameter
Maintaining a short continuos flow batter, about the size of a golf ball, trough the hole in tthe bag into the hot oil.
Make a jalebi in the same way until the surface area of pan is full.
The jalebi will set firmly as the cook - use tongs to turn them . When they are golden brown all over this takes about 2 minutes - remove them from pan, shake off the excess oil and drain on. absorbent kitchen paper. Cook another batch of jalebi in the same way.

Place the cooked jalebi in the syrup and serve hot, or leave them for an hour or so to absorb the syrup and serve cold


e continuiamo con i toni dorati  in foto.



















Alessandra................... Bon Appétit !!!
SHARE:

Pakora, Chili Bahaji e Masala Dosa da leccarsi i baffi !!


La Pakora è l'equivalente indiano del giapponese tempura. Pezzi di verdure crude sono rivestiti con una pastella a base di spezie e farina di ceci: pezzi di carne cruda, pollo, pesce, gamberi e panne o formaggio indiano possono essere utilizzati.
La pastella e' leggerissima e gli ingredienti formeranno sopra un croccantissimo rivestimento.
La puoi trovare ovunque in India soprattutto nei banchetti in giro per le strade e si puo' dire trabquillamente che gli Indiano adorano questo streetfood da come si puo' vedere dalla foto e quindi senza troppo indugiare passo direttamente alla ricetta ma rigorosamente vegan che puo' essere fatta tranquillamente per reperibilita' degli ingredienti anche in Italia.




 Pakora di Verdure

Ortaggi in pezzi 225gr, come anelli di cipolla, peperoncino, fette Patato, broccoli o cavolfiore, funghi interi
olio vegetale per friggere

Per la pastella

75 gr farina di ceci
1 cucchiaino di  masala
1 cucchiaino di coriandolo macinato
1/2 cucchiaino di semi di cumino
pizzico di semi di levistico  ( questo proprio non lo conosco!!!)
2 cucchiaini di coriandolo fresco tritato
1 cucchiaino di menta fresca tritata
1-2 peperoncini verdi tritate (opzionale)
1 curcuma
1 cucchiaino di sale
1 uovo
1 cucchiaino di succo di limone
 Acqua qb


Mescolare tutti gli ingredienti assieme pastella in una ciotola con acqua appena enought per fare una pasta spessa enought a cadere lentamente fuori cucchiaio. Assicurarsi che la pastella è ben amalgamato.

Scaldate l'olio in una padella  tipo wok a 190 °.  passate le verdure nella pastella e poi iniziare a friggere.
Friggere il paroka per circa 8 minuti, girando un paio di volte sino a completa doratura dei pezzi. Scolate il fritto e assorbire l'eccesso di olio su carta assorbente.
Servire le pakora ben caldi .
Io personalmente li ho gustati con una salsa piccantissima a base di curry  ma si puo' gustare anche con del chutney.


Deep Fried Fritters - Pakora

225gr vegetable pieces, such as onion rings, chillies, patato slices, broccoli or cauliflower florets, whole mushrooms
vegetable oil for deep fried.

Batter
75 gr gram flour
1 teaspoon garam masala
1 teaspoon ground coriander
1/2 teaspoon ground cumin seeds
pinch of lovage seeds
2 teaspoons dried fenugreek (optional)
2 teaspoons finely chopped fresh coriander
1 teaspoons chopped fresh mint
1-2 green chillies chopped ( optional)
1 teaspoon salt
1 egg
1 teaspoon lemon juice

Mix all the batter ingredients togheter in a bowl with just enought water to make a paste thick enought to drop sluggishly off spoon. Make sure that the batter is well mixed.Heat the oil in a deep frying pan to 190° .
Coat a vegetable piece in the batter mixture and place it carefully in the hot oil. Continue additing more pakora but allow a few seconds between each one so the oil can mantain its temperature. When the surface area of the pan is full not crowded, fry the paroka for 8 minutes, turning over a few times.
Remove the pakora from the pan using a slotted spoon .Shake off the excessm oil and drain them on absorbent kitchen paper.Repeat unit all the pakora are cooked then serve them hot with salad garnishes, lemon wedges and chutneys


Continuando sui fritti altro street food da perdere la testa  e assolutamente da ripetere sono questi deliziosi


Chili Bhaji 

Si parte dalla stessa pastella base ma in questo caso l'ingrediente principale e' il peperoncino Anaheim
molto comune in India ma probabilmente poco in Italia , ed utilizzato in diversi modi.
Fondamentalmente nel peperoncino viene fatto un taglio, la quale verra' riempieta da una diversa pasta che puo' variare da spezie come aglio, coriandolo, pasta di tamarindo, pepe, cipolla , cumino e zenzero alle quali si possono aggiungere del riso.
Una volta riempito si passa nella pastella ( vedi ricetta sopra) e si frigge.
Va mangiato caldissimo e sempre accompagnato da una salsa piccantissima.







Chili Bhaji - Deep Fried Peppers

It starts from the same basic batter but in this case the main ingredient is the Anaheim Pepper

Very common in India, but probably not in Italy and used in different ways.
Basically, the hot pepper is made ​​a cut, that will be filled with a different pasta,  that can be some spices such as garlic, coriander, tamarind paste, pepper, onion, cumin and ginger and  you can add the rice.
Once filled you go into the batter (see recipe above) and fry.
Should be eaten piping hot and always accompanied by a spicy sauce

ma non c'e'e solo il fritto o per lo meno non necessariamente anche se tutti sappiamo che le cose fritte sono le piu' buone aime.

Masala Dosa

Partiamo sempre da una pastella  fatta  pero' con 
Farina di riso 2 tazza
Farina maida 1 tazza ( sostituibile con uan farina bianca forte )
1 cucchiaio di peperoncini verdi
Semi di senape finemente tritate
1 cucchiaino di semi di Cumino
1 cucchiaino di sale qb
Acqua qb


E' molto semplificata la ricetta della pastella, nella realta' locale   e' molto piu' complessa.
Si metto in ammollo riso, lenticchie, ceci ( una specie particolare che si trova solo li ) e trigonella per circa 8 ore:  il giorno dopo frulli  il tutto e formi la pastella.

In questa invece mescolare tutte le farine con il sale, peperoncini verdi. Aggiungere abbastanza acqua da ottenere la consistenza semiliquida  poi aggiungere  la senape, il  cumino e il curry.

Riscaldare la piastra ed ungerla con del ghee: versare un  mestolo di pastella e stendere subito per allargare la forma con o stesso mestolo assottigliando e formando una cerchio larghissimo.
Con una spatola schiacciate uteriormente la crepes e tirate via eventuale eccesso non cotto, raschiando.
Quando sara' ben cotta da una parte  riempitela con  una  Masala  Patata Vegetale.

Patata Masala per Dosa
Patate Lesse 4
Cipolla tagliate fine  3
Ginger
Coriandolo fresco
Curcuma 1 cucchiaino
Peperoncini Verdi  4 a pezzetti
Channa Dal  1/2 cucchiaio  ( sostituibile con  ceci decorticati)
Semi di senape 1/2 cucchiaio
olio e sale qb
Ghee o burro chiarificato
Pepperoncino rosso 2
Cumino in semi 1 cucchiaino
Anacardi 2 cucchiai
Piselli lessi 2 cucchiai


Mettete in padella dell'olio aggiungete peperoncini rossi ,  la senape, il channa dal o ceci. Dopo 3 minuti aggiungete gli anacardi  e la cipolla. Dopo 1 minuto la curcuma mischiate per bene e poi aggiungete i peperoncini verdi e foglie di cordiandolo e un pizzico di sale. Fate cuocere finche la cipolla non sara' diventata bionda e morbida.
Aggiungete i piselli e le patate con  due mestoli di acqua calda e fate cuocere facendo diventare un impasto sfaldato. Se necessario aggiungere acqua.
Alla fine aggiungere una noce di burro o ghee.



Masala Dosa


We always start from a batter made but 'with
2 cup rice flour
Maida flour 1 cup (can be replaced with a wild strong white flour)
1 tablespoon green chilies
Mustard seeds
1 teaspoon of cumin seeds
1 teaspoon of salt
Water as needed

It 's very simple recipe of the batter, in reality' local put it to soak rice, lentils, chickpeas and fenugreek for about 8 hours, the day after blend everything and get the batter.
In this Mix all flours with salt, green chilies. Add enough water to obtain a semi-liquid consistency, then add the mustard, cumin and curry.
Heat the plate and grease it with ghee: pour a ladle of batter that you spread out at once to enlarge the shape with the same thinning and forming a large circle.
Use a spatula to crush the crepes and pull off any excess uncooked scraping.
When will be 'well done on the one hand fill with a Potato Masala.

Potato Masala for Dosa

Potatoes boiled 4 pieces
Onion cut end 3pieces
Ginger
Fresh Coriander
1 teaspoon Turmeric
Green chillies 4 small pieces
Channa Dal 1/2 tablespoon (replaceable with shelled chickpeas)
Mustard seeds 1/2 tablespoon
oil and salt to taste
Ghee or clarified butter
2 red chillies
1 teaspoon Cumin seeds
Cashews 2 tablespoons
Boiled peas 2 tablespoons


Put oil in a pan, add red chillies, mustard, channa or chickpeas from. After 3 minutes, add the cashew nuts and onion. After 1 minute turmeric mix well and then add the green chillies and coriander leaves and a pinch of salt. Cook until the onion will 'become blonde and soft.
Add the peas and potatoes with two tablespoons of hot water and cook by becoming a crumbled mixture. If necessary add water. At the end add a knob of butter or ghee.

ed ora una delle 7 meraviglie del mondo modero.............. Lo riconoscete? Il Taj Mahal






Visto e fotografato praticamente in diverse ore tra giorno, tramonto e mattina presto.. Aime' tra nebbia pura  e foschia questo e' il meglio delle immagini.

Alessandra....... Bon Appétit !!!
SHARE:

Apooravapoopa..... Yogurt pancake in Sciroppo di zucchero e ....tanta India

Vi avevo lasciato con due tre foto sull'India... bene allora per non farci mancare nulla continuo con il mio viaggio in India .
Preciso che ho fatto solo il nord quindi ho dato un morso al Rajasthan e lentamente da Dehli si va verso Udaipur, Ranakpur a Jodhpur con tanta luce....






















e adesso un bel dolcetto veloce e delizioso.....


Yogurt Pancake in Sciroppo di Zucchero

Per impasto
250 gr di Yogurt senza zucchero
20 gr di farina
2 gr di anice
100 grammi di Ghee o burro chiarificato
Per sciroppo
225 gr di zucchero
500 ml di acqua

Mischiate lo yogurt con la farina in una ciotola.

Aggiungere semi di anice e mescolare bene.
Riscaldare il ghee  in padella: aggiungere 1 cucchiaio di yogurt alla volta e friggere  i pancake finche' non saranno. dorati e croccanti ai bordi. Scolateli per bene su carta assorbente. Friggete sino ad esaurire il composto.
Per lo sciroppo, mescolare lo zucchero in acqua fredda e mescolare fino a quando lo zucchero si scioglie.
Cuocere il composto di zucchero a fuoco medio e portare ad ebollizione.
Far bollire fino a quando lo sciroppo è denso. Togliere e mettere da parte a raffreddare.

Posizionare le frittelle nello sciroppo, uno alla volta  e decorare con mandorle sfilettate.

Io li ho mangiati in luogo buonissimi li consiglio vivamente erano cosi buoni che non ho fatto in tempo a fotografarli cosi vi propongo foto e ricetta dal libro " Hindu  Soul Recipes" di Pushpesh Pant comprato in India rigorosamente.

                                                              

Foto from book " Hindu Soul recipes"

Yogurt pancake in sugar syrup

250 gr  yogurt unsweetened
20 gr refined four
2 gr  aniseed
100 gr  ghee

for syrup
225 gr  sugar
500 ml water

Blend the yogurt with the flour in a bowl. Add aniseed and mix well. Heat the ghee in pan: add 1 tbsp of yogurt at a time and fry unit brown and crisp at the edges. Remove and drain the excess of oil on absobert kitchen towels. Repeat till all the batter is used up.

For the syrup , mix the sugar in cold water and stir until the sugar dissolves.Cook the sugar mixture on medium heat and bring to the boil. Boil until the syrup is thick. Remove and keep aside to cool.

Place the pancakes in the syrup, one at a time, as they are fried .


Alessandra..........Bon Appétit !!!
SHARE:

I profumi dell'India

Ero appena arrivata !!! Innanzi tutto Buon Anno !!!!
Ho provato piu' volte ,anche se dall'altra parte del mondo, a collegarmi e spedire gli auguri ma senza successo. Sono stata in India nel Rajasthan ed devo dire che ho avuto difficolta con i collegamenti interner WF e telefonici, ma tutto ok malgrado notizie brutte che giravano e girano in Tv proprio in questi giorni..ma iniziano da Delhi..
Dopo un viaggio abbastanza comodo ho fatto il mio esordio in India prima tappa New Delhi.
Arriva all'una e passa di notte non ho praticamente dormito, ma in compenso mi sono trovata pimpante e vogliosa la mattina dopo di scoprire una città piena di odori, di rumore di clacson ...

In effetti ho fatto subito il battesimo con del perfetto cibo indiano rigorosamente vegetariano ...
Qui si che mi sento in patria con nessuno che ti dice che rompi perché lo sei !!
Ho mangiato la loro tipica focaccia di pane dal nome "Puri " e anzi con sabji " una zuppa di patate, piselli, pomodori dal sapore deliziosamente acceso al curry e piccantissima, abbinata con Indian Tea Chai che altro non è che una miscela di zenzero, acqua , tea, pepe e latte e altre spezie.
Beh io non bevo il tea con il latte ma l'ho trovato delizioso !!

Il giro a zonzo per la città ti imbatti in una popolazione variegata ,proprio vero che esistono le caste: gente di tutte le "estrazioni sociali " dico io anche perché a me il termine caste non piace.Comunque mi perdo in poche chiacchiere e passo a delle foto veloci veloci ....








e mi tocca fermarmi perche' blogger mi da problemi a caricare altre foto..

Alessandra............... Bon Appétit !!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig