ricette e appunti di viaggio

Nell'attesa di cambiare nome al sito : Timballo del Gattopardo

E' da tanto che ci sto pensando  e ho già iniziato a buttare giù i primi schizzi del nuovo sito: la cuoca a tempo perso di sta evolvendo e' stata "contaminata" e  quindi cambiera'  il nome ed anche un poco di sostanza.
Sara' che oramai il nipote da piccolo e' diventato adolescente, sara' che la casetta e' cresciuta da 50 mq a 100 + 40 di balconi.
Qualcuno direbbe ti stai allargando, io invece rispondo sto solo crescendo,.
Sto diventando grande ed in effetti e' cosi perche' proprio lo scorso dicembre ne ho compiuti 45 ed insomma mi sono guardata indietro ed ho visto che ho costruito tante cose compreso anche un piccolo blogghino come lo definii con Simone Rugiati qualche anno fa ed ora per me e' come un figlio che ha bisogno di qualcosa di più.
Ma vedo che anche io  sto dando a lui qualcosa di diverso quindi cambierò, veste cambierò nome ma dentro sarò sempre la solita ragazza di CtP = Cuoca a tempo Perso !!
Ma nel frattempo che tutto accada tocca sempre stare ai fornelli e cucinare e gustare e ahimè in alcuni casi anche ingrassare.

Intorno alle feste Natalizie mi e' stato spedito un gradevolissimo omaggio da Azienda Brazzale con la quale avevo già avviato una collaborazione lo scorso anno con questa ricetta Éclair o Gougère al Gran Moravia farcite di .....
Quest'anno oltre al Gran Moravia che devo ancora aprire e ricrearci intorno una ricetta  mi e' arrivato Burro che io personalmente  adoro e visto che stavamo proprio sotto le feste prima di partire e' stato opportuno cucinare un qualcosa che  necessita di burro e come non fare una frolla con il Burro Paesanella ?
Il romanzo Il Gattopardo è stato pubblicato nel 1958 ed è diventato in breve tempo un best-seller incoronando Giuseppe Tomasi di Lampedusa come uno dei più grandi autori del secolo. Il romanzo narra la storia delle vicende significative del principe di Salina e della sua famiglia negli anni dell'unità di Italia, in una Sicilia reticente ai cambiamenti. Come ogni anno,da generazioni, i Salina si trasferivano con la bella stagione nel palazzo addormentato di Donnafugata. Come ogni anno veniva, in occasione del loro arrivo, riaperta la casa, organizzata da mani sapienti una cena solenne per accogliere gli amici di sempre e ribadire il potere immutato del principe. Quella sera nella grande sala entrò anche Angelica con la sua bellezza italiana, con la sua fisicità prorompente poco raffinata ma assai conturbante. Il nipote del principe, Tancredi, si innamora di lei; il principe la osserva rapito dalla sua spontaneità e dalla sua bellezza. Inizia la serata, le candele illuminano la tavola sontuosa, entra il timballo di maccheroni che l'autore così magistralmente descrive: "L'oro brunito dell'involucro, la fraganza di zucchero e di cannella che ne emanava, non era che il preludio della sensazione di delizia che si sprigionava dall'interno quando il coltello squarciava la crosta: ne erompeva dapprima un fumo carico di aromi e si scorgevano poi i fegatini di pollo, le ovette dure, le sfilettature di prosciutto, di pollo e di tartufi nella massa untuosa, caldissima dei maccheroni corti, cui l'estratto di carne conferiva un prezioso color camoscio."




Per 1 timballo versione leggera

Ripieno
250 g di maccheroncini ( io ho usato le farfalle)
300 gr ragu di carne con anche all'interno  regaglie di pollo
60 g di prosciutto cotto
120 g di pisellini  
Formaggio grattugiato

Burro Paesanella
 
Per la frolla
2 tuorli
200 g di farina
100 g di Burro Paesanella
50 g di zucchero
un pizzico di sale
buccia di limone grattugiata



Fate un ragu' nella maniera piu' classica , con sedano carota e cipolla carne trita e pomodoro e  fate cuocere per circa 2 /3 ore.

Nella planetaria disporre la farina con al centro le uova, il burro ammorbidito, lo zucchero , il sale , la scorsa del limone grattugiata . Impastate velocemente e se non incorda bene potete aggiungere 1/2 albume.
Fatene una palla, copritela con pellicola e fate riposare per un'ora.

Lessate la pasta in acqua salata ma scolatela molto al dente e ripassatela nel ragù : dovrà avere una consistenza bella fluida il composto cosi da non risultare asciutto troppo dopo la cottura finale al forno.

Sbianchite i piselli e tritate a cubetti il prosciutto cotto e aggiungeteli alla pasta.

Dividete la pasta frolla in due parti disuguali: stendete la più grande e foderate uno stampo dai bordi alti: versatevi  metà della pasta, spolverate di formaggio e fiocchetti di burro e poi sopra versateci il resto della pasta..

Coprire con il tappo di pasta frolla e sigillare i bordi. Fate dei buchetti per far fuoriuscire il vapore della pasta e lucidate il tappo con uovo sbattuto. A piacere delle decorazioni  nel mio caso stelle comete!

Cuocete in forno caldo a 200° per 40 minuti circa.

Alessandra.................Bon Appétit !!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Chi sbircia da me.

Blogger Template Created by pipdig