Ricette e Appunti di viaggio

Dolce da colazione: Ciambellone

Un classico come dolce da mangiare sicuramente per colazione ma perfetto secondo me da spiluccare durante l'intera giornata : il  Ciambellone 
Il nome esatto sarebbe Ciambella ( pero' io l'ho sempre chiamato ciambellone ) e deriva dalla forma circolare e provvisto di un buco nel mezzo. Nel tempo e' stato talmente personalizzata in tutte le tradizioni culinarie che si va dal dolce al salato,  dalla ciambella bolognese alla ciambella al vino laziale a quella all'anice delle Marche personalizzando non solo gli ingredienti ma anche l'utilizzo del prodotto finito.
Anche nel consumo e' diversa vistoche' in alcune regioni italiani si mangia la ciambella dolce intinta in acqua e vino o nel latte oppure da servire come dolce accompagnata da crema , insomma qualunque sia la vostra origine potete mangiare, fare e servire la ciambella come meglio preferite.

Ciambellone o ciambella latte uova burro e arancia

Ciambellone

3 uova grandi
250 gr di zucchero
125 gr di BURRO DELLE ALPI-  BRAZZALE
350/370 gr di farina 00  circa
200 ml di latte
1 bustina di lievito
scorza grattugiata di arancio e limone
1 pizzico di sale


Mette nella planetaria le uova con  lo zucchero e montatele sino a farle diventare belle spumose e chiare.
Aggiungete  amalgamando il burro sciolto , il latte. il pizzico di sale e le scorze di limone e arancio  e se volete potete spremerci dentro anche del succo di arancia.
Per ultimi vanno aggiunti  la farina setacciata che monterete in planetaria  per circa 2 minuti e subito dopo il lievito setacciato.

Versate il composto nella tortiera imburrata e infarinata e decorare con zucchero.

Fetta di Ciambellone o ciambella latte uova burro e arancia

In questo caso io mi sono bagnata le mani e poi mi ci sono versata sopra lo zucchero che automaticamenti si e' inumidito dando forma ad una granella perfetta per il top del ciambellone.
Cuocete in forno preriscaldato a 180° modalita' ventilata ( IO mi trovo bene cosi) per circa 40' /45' molto dipende anche dal vostro forno e comunque navigate un poco a vista e ricordate la prova che facevano le nostre nonne: stuzzicandente dal 40esimo minuto in poi. Se usciva asciutto era pronto !!!
Se tende a scurirsi la crosta copritela con carta alluminio.

Alessandra............Bon Appétit !!!
SHARE:
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...
pipdig